Un chiringuito della droga tra i boschi di Legnano e Rescaldina: arrestato pusher pakistano

LEGNANO – Chiosco della droga tra i boschi di Legnano e Rescaldina, copertoni e un telo per ripararsi da sole e pioggia e via, si spaccia. Sino a quando ieri, giovedì 4 luglio, gli uomini del commissariato di polizia di Stato di Legnano non hanno eseguito un controllo mirato. E il chiosco, come un chiringuito dello spaccio, è sparito nel nulla.

Supermarket della droga

Il suo gestore, un pakistano di 22 anni, una sorta di fantasma, è invece finito in manette. A proteggerlo aveva un machete, mentre in vendita aveva un vero e proprio supermarket della droga: i poliziotti hanno sequestrato 240 grammi di hashish, 20 grammi di marijuana, 15 grammi di cocaina e 2 grammi di eroina. Inutile dire che il chiosco della spaccio da ieri è chiuso, d’intesa con il pubblico ministero della procura di Busto Carlo Alberto Lafiandra. L’arresto è stato convalidato oggi, venerdì 5 luglio, in sede di direttissima in tribunale a Busto Arsizio.

Sanzioni anche ai clienti

I poliziotti del commissariato di Legnano hanno controllato anche tre clienti, due italiani e un pakistano, trovati a far compere. Il pakistano è stato portato in carcere a Busto Arsizio in quanto già gravato da un provvedimento emesso dal tribunale di Novara. Uno dei due italiani è stato sanzionato per uso personale di stupefacente, mentre per tutti e tre è stato chiesto il foglio di via da Legnano. 

Inseguito dalla polizia da Legnano a Villa Cortese su auto rubata a Malpensa: preso

legnano rescaldina spaccio boschi – MALPENSA24