Covid, il punto di Ats: calano i positivi, ma il numero dei decessi è ancora alto

varese ats insubria

VARESE – Calano i contagi, aumentano i guariti, ma il numero dei decessi continua a rimanere piuttosto alto. E lo sarà ancora per almeno un’altra settimana, «perché – ha spiegato il direttore sanitario di Ats Insubria Giuseppe Catanoso – il dato sui deceduti rispetta la situazione dei contagi di un paio di settimane prima».

Vaccini anti Covid

Frena la seconda ondata del virus, ma la situazione pandemica continua a essere protagonista nell’attività di Ats. Che sta guardando avanti, all’arrivo dei vaccini anti Covid, «di cui non sappiamo molto di più di ciò che è stato detto e scritto fino a questo momento. Però – ha proseguito Catanoso – sia Regione che noi stiamo lavorando sugli aspetti più legati alla logistica.

Regione si sta muovendo per trovare spazi e strumentazione adeguata per lo stoccaggio dei vaccini che, secondo quanto fanno trapelare le aziende farmaceutiche che ci stanno lavorando, necessitano di luoghi con temperature molto basse. Regione al momento si è rivolta alle Asst del territorio. Da parte nostra stiamo invece valutando i luoghi da utilizzare per la grande campagna vaccinale. I primi a essere vaccinati saranno medici e personale ospedaliero. Dopo di che bisogna anche capire quando arriverà il vaccino. E la logistica dei punti di vaccinazione sarà differente da quella dei tamponi. Inoltre molto dipenderà anche dal tipo di vaccino, se arriva un vaccino che necessita una conservazione meno complicata, significa che potremmo organizzare punti di vaccinazione diffusi su tutto il territorio, poiché non avremo l’obbligo di concentrare tutti in pochi punti».

La linea Maginot dei tamponi effettuati

Se il virus è una guerra, molti hanno paragonato la pandemia a un evento bellico, come si può vedere nel grafico sotto, il tratto nero lo si potrebbe paragonare alla linea Maginot. Ovvero, i test hanno rappresentato un’arma di difesa utile a volte per inseguire il virus sul territorio a volte per arginare subito i contagi e in genere per tracciare i rapidi movimenti del Covid.

La linea nera rappresenta i tamponi eseguiti e il grafico mostra come nella prima ondata il contagio sforava la linea dei test, che nel proseguo dei mesi non è più scesa. Un grafico eloquente soprattutto se lo si analizza da settembre a oggi, ovvero dal momento dell’apertura delle scuole sostanzialmente e dall’inizio della seconda ondata del virus.

Guariti deceduti positivi

Torna ad alzarsi la curva dei guariti, scende quella dei positivi, ma non scendono i numeri dei deceduti. La cui cifra rispetta la situazione dei contagi almeno di un paio di settimane prima. Ciò significa che la riduzione si avrà non prima di una settimana.

I Covid Hotel funzionano ma non decollano

Sono saliti a 8 gli ospiti dei Covid Hotel accreditati sull’intero territorio di competenza di Ats Insubria. «Un numero molto basso – ha spiegato il direttore sociosanitario Ettore Presutto – inferiore anche rispetto alle indicazioni che ci giungevano dal territorio. In ogni caso il servizio sta funzionando molto bene anche a detta di chi ha usufruito di queste strutture».

varese covid ats decessi hotel – MALPENSA24