Sesto, in 15mila per lo spettacolo dei fuochi d’artificio in riva al Ticino

fuochi artificio estate sesto
𝟮𝟬𝟭𝟵 © 𝗔𝗹𝗲𝘀𝘀𝗶𝗼 • 𝗣𝗵𝗼𝘁𝗼𝗴𝗿𝗮𝗽𝗵𝘆

SESTO CALENDE – Oltre venti minuti di luci e colori e quasi 15mila persone per lo spettacolare appuntamento con i fuochi d’artificio di Sesto Calende dello scorso sabato 31 agosto. La serata, rinviata causa maltempo rispetto alla tradizionale data di luglio, è stata un successo, non solo per lo spettacolo pirotecnico in sé (nella foto, lo scatto di Alessio Coluccio) ma per il grande afflusso di persone che si sono riversate sulla città in riva al Ticino. Al punto che si pensa già al prossimo anno.

Locali presi d’assalto

A confermare di come la macchina organizzativa si sia mossa alla perfezione, il vicesindaco e e assessore alla Cultura, Turismo, Commercio e  Lavori Pubblici Edoardo Favaron, che non ha dubbi: «I nostri fuochi più belli e spettacolari di quelli di Arona: a confermarlo, le 14mila 700 persone che sono arrivate a Sesto da tutta la provincia di Varese e dalla sponda piemontese». Un successo dovuto in primis all’organizzazione che ha visto in prima linea la Pro Sesto, con un lavoro in sinergia con tecnici e amministrazione comunale; tutto è filato liscio anche sul piano della sicurezza: l’alto numero di persone è stato ottimamente gestito grazie alla presenza delle associazioni Carabinieri e Polizia in congedo, la Protezione Civile, i volontari del Parco del Ticino e gli agenti di Polizia locale.
Oltre venti minuti tutti con il naso all’insù, pura meraviglia per luci e colori riflessi sulle acque del Ticino (nel video, dalla pagina Facebook Sesto Calende News 2.0), ma alla fine dello spettacolo certo non è finita la festa: «Il vero successo è stato per locali, bar, pizzerie e gelaterie presi d’assalto, con coda all’ingresso: una grande soddisfazione per noi – continua Favaron – e davvero un bel risultato per i commercianti».

Pubblicato da Luca Dani su Domenica 1 settembre 2019

Probabile nuova data

L’estate a Sesto non è finita: i prossimi appuntamenti porteranno ancora la gente in città, fra il concerto-tributo a Enzo Jannacci venerdì 6 settembre e il Palio sestese sabato 14 e domenica 15. Ma si pensa già ai fuochi del prossimo anno, con una novità che potrebbe riguardare la data, anche se nulla è deciso: «Quest’anno causa maltempo abbiamo posticipato i fuochi d’artificio di un mese – spiega Favaron – rispetto alla tradizionale data di fine luglio. Ma abbiamo notato che, mentre fine luglio coincide con le prime partenze per le ferie, la data di agosto vede di nuovo la città riempirsi per chi torna a lavoro. Con un grande afflusso per lo spettacolo, come poi è stato sabato. Nulla è deciso, ma stiamo valutando se mantenere questa nuova data per il prossimo anno».

fuochi artificio estate sesto – MALPENSA24