Covid e “Libertà si…cura”. Incontro a Varese tra medici e studenti del Ferraris

varese covid studenti ferraris

VARESE – La classe V E in presenza in Aula Magna, altre classi collegate on line per un totale di circa 130 studenti del Liceo Scientifico Galileo Ferraris di Varese hanno partecipato, oggi sabato 30 gennaio, al primo incontro nell’ambito dell’iniziativa “Libertà si..cura” promossa da Asst Sette Laghi, Ufficio Scolastico Provinciale e Comune di Varese.

Libertà in sicurezza

Si tratta di un ciclo di incontri di sensibilizzazione che vede protagonista in qualità di docente il professor Francesco Dentali, direttore dell’Hub Covid dell’Ospedale di Circolo, coadiuvato dalla sua equipe che dall’inizio dell’emergenza pandemica ha curato circa 3000 pazienti Covid. Presente in qualità di testimonial il giovane studente varesino Mario Gervasini, che si è ammalato in modo severo ed è stato ricoverato per oltre due settimane presso l’Hub Covid, che ha raccontato la sua drammatica esperienza.

Dopo il saluto di benvenuto del dirigente scolastico dell’istituto Marco Zago e un’introduzione del dirigente scolastico Provinciale Giuseppe Carcano che ha ricordato come nelle scuole della provincia siano stati presi tutti i provvedimenti per far rientrare fisicamente a scuola i ragazzi delle medie superiori in piena sicurezza, gli studenti presenti e quelli collegati hanno rivolto numerose domande al professor Dentali.

varese covid studenti ferraris

Tutti i dubbi degli studenti

Ecco le più significative. E’ possibile contrarre danni permanenti dopo la guarigione? Sì, è possibile che dopo la guarigione residuino dei fibromi nei polmoni che riducono la capacità respiratoria in modo permanente. Il vaccino è sicuro? Si, perchè è basato sull’Rna messaggero quindi non viene inoculato nell’organismo alcun virus depotenziato  Segnalazioni di effetti indesiderati gravi provate scientificamente non ne risultano. Esiste una cura sicura? No, esistono diversi protocolli di cura ma nessuno risolutivo al 100%. C’è correlazione tra stili di vita scorretti e aumento della possibilità di contagiarsi? No, ma le copatologie (obesità, diabete ecc.) possono aumentare il rischio di complicanze gravi e di mortalità nel caso in cui ci si ammali.

Tamponi e vaccini

Il tampone rapido è efficace? Si, i tamponi antigenici di terza generazione sono affidabili quasi come il tampone molecolare. Vaccinare il personale scolastico? Si, è utile vaccinare tutti quelli che lavorano o vivono in comunità quindi anche studenti e insegnanti. Quante persone bisogna vaccinare per sconfiggere il contagio? Difficile dirlo oggi non avendo evidenze epidemiologiche ma dai primi test di massa (es.Israele) con un 25% della popolazione vaccinata (con richiamo) la curva dei contagi si abbatte già del 30% quindi ottenere l’immunizzazione di massa è un obiettivo alla nostra portata.  L’iniziativa proseguirà nelle prossime settimane in altri istituti superiori di Varese e provincia.

Varese, sindaci e prefetto pianificano il rientro a scuola: «Sarà dopo Natale»

varese covid studenti ferraris