Botti di Capodanno a Golasecca. «Nessun divieto ma responsabilità»

golasecca ventimiglia capodanno

GOLASECCA – Nel periodo natalizio, tra eventi e festeggiamenti, sempre più il pensiero corre verso l’incolumità degli animali, spaventati da botti e petardi che raggiungono il picco massimo nella notte di Capodanno. La sensibilità dei cittadini a volte non basta, e neppure – pare – le ordinanze che vengono emesse dai Comuni, che aumentano di anno in anno, ma senza che aiutino a controllare effettivamente chi non rispetta le leggi. Per questo al posto di un’ordinanza, il sindaco di Golasecca Claudio Ventimiglia ha pensato di «rinfrescare la memoria ai cittadini», con un avviso che riassume le norme in materia di fuochi artificiali e botti, insieme ai buoni comportamenti da seguire per garantire la sicurezza degli animali e non solo.

Le ordinanze non servono

L’avviso prende appunto atto che nonostante le norme esistenti, troppo spesso l’accensione fuochi d’artificio e botti si svolge «senza l’osservanza delle necessarie cautele, causando disturbo alla tranquillità e mettendo a rischio la sicurezza dei cittadini». Il tutto con un riferimento chiaro ai rischi per gli animali: «Il fragore dei botti genera in loro una reazione di spavento e li porta frequentemente a perdere l’orientamento esponendoli al rischio di smarrimento o investimento, con rischi di produrre intralcio alla viabilità e potenziali incidenti stradali». Il sindaco ha ritenuto utile però non emettere un’ordinanza di divieto «difficile da far rispettare. Ci sono già le norme», ma di emettere una nota informativa ai cittadini «in cui richiamando le direttive della Prefettura e del Ministero si ricordano le regole da seguire e i comportamenti responsabili da tenere».

Tutela di animali e minori

Un esempio seguito da qualche altro comune in provincia, con cui quindi il Comune di Golasecca invita per la notte di Capodanno a «non utilizzare gli articoli pirotecnici in luoghi dove si svolgono manifestazioni con affollamento di persone, né da terrazze e balconi, ma a una distanza non inferiore ai 200 metri da luoghi sensibili». Contestualmente, saranno i genitori e tutori di minori e altri soggetti deboli a «rivolgere la massima attenzione affinché vengano mantenuti a debita distanza da chi fa uso dei fuochi, mentre i proprietari di animali di affezione vigileranno affinché gli scoppi non causino disagio agli stessi provocando danni tanto agli animali quanto alle persone». Il tutto, quindi, per divertirsi, ma responsabilmente. Perché prima delle norme, questo vuole intendere il sindaco, basta il buon senso.

golasecca ventimiglia capodanno – MALPENSA24