Busto, l’ex Cerana non c’è più. Giù un’altra ciminiera per fare posto al nuovo Famila

BUSTO ARSIZIO – L’ex fabbrica tessile Roberto Cerana di Largo Po non esiste più. Demolita per fare posto al progetto del nuovo supermarket Famila, per il quale l’amministrazione comunale solo una decina di giorni fa ha approvato gli interventi da realizzare a compensazione degli oneri di urbanizzazione. Con la demolizione del fabbricato industriale dismesso è sparita un’altra ciminiera, simbolo della Manchester d’Italia che fu. Quella dell’ex tintoria Cerana era già stata “mozzata” in passato per evitare il pericolo di crollo, ora nel nuovo progetto del supermercato non rimarrà segno delle vestigia del passato di “capitale del tessile”.  

Dalle cento ciminiere ai cento supermercati

In Largo Po il cartello fuori dal cancello segnala la “demolizione in corso”, ma in realtà il grosso del lavoro degli escavatori è già stato effettuato. Dietro al muro che corre lungo via Caprera è rimasta solo una grande spianata di terra, su cui sono già in corso le successive fasi di bonifica definite insieme alle autorità competenti nella conferenza dei servizi che si è chiusa nelle scorse settimane. Sono rimaste in piedi alcune parti degli edifici che si affacciano su Largo Po, da un lato, e verso la stazione dall’altro, ma con l’avanzare dei lavori di costruzione del nuovo supermercato verranno abbattuti anche quelli. 

Il progetto

Il progetto prevede la realizzazione di un edificio a forma di parallelepipedo su via Caprera, con il parcheggio verso Largo Po, dove verrà realizzata anche una rotatoria. Sul lato verso la stazione verrà realizzata una strada che servirà in futuro a collegare direttamente via Caprera con l’area dell’ex scalo merci Hupac della stazione FS, che confina con l’ex Cerana. Un’altra area dismessa che, in futuro, ridisegnerà lo skyline della città. Con sempre meno ciminiere. 

Busto, il nuovo Famila porta la rotonda in Largo Po e la strada per l’ex scalo merci FS

busto arsizio ex cerana famila – MALPENSA24