Castano, Lega e sicurezza: «Ci sono le elezioni e la giunta scopre certi problemi”

castano lega sicurezza

CASTANO PRIMO – «Miracoli elettorali?». E’ da qualche giorno che si stanno facendo questa domanda gli esponenti della Lega di Castano Primo. «Ma come, fino a qualche tempo fa eravamo noi che esageravamo, che cercavamo di insinuare false paure e preoccupazioni nella gente, mentre adesso si accorgono anche loro che ci sono problematiche e situazioni di criticità da affrontare?».

Il segretario Daniele Rivolta

I dubbi e gli interrogativi, alla fine, nascono da una serie di interventi che l’attuale Amministrazione comunale sta portando avanti in tutto il territorio in ottica di sicurezza. Controlli, servizi mirati e specifici, che a detta del segretario cittadino del Carroccio, Daniele Rivolta, e del suo gruppo sono notevolmente aumentati, soprattutto negli ultimi mesi. «Voglio innanzitutto fare i complimenti al nostro comando di Polizia locale per l’importante lavoro che quotidianamente svolge – commenta lo stesso Rivolta – Al comandante Massimo Masetti ed agli agenti va un grosso plauso per esserci sempre e per cercare di garantire la massima tranquillità a quanti vivono o lavorano in città. Siamo perplessi, invece, su chi oggi ci governa: ricordo, ad esempio, le battaglie che come Lega da anni stiamo portando avanti per quanto concerne il problema spaccio di sostanze stupefacenti nei boschi e nelle aree periferiche (abbiamo organizzato iniziative e mobilitazioni in tale senso), eppure siamo sempre stati descritti come quelli che ingigantivano la realtà dei fatti, solo per mettere in cattiva luce il sindaco e la sua giunta. O ancora le richieste, più e più volte presentate anche in consiglio comunale, per chiedere che venissero messi in campo accertamenti e verifiche in alcuni immobili occupati da cittadini di origine extracomunitaria e verso i quali avrebbero potuto esserci delle anomalie. Fino al discorso moschea. Ma pure in quei casi siamo stati additati come i soliti che volevano generare paure nei castanesi.

«Prima dicevano che eravamo noi a generare paure»

«Non ci sono criticità», ripetevano. “L’unico obiettivo che avete è screditare l’operato dell’Amministrazione e in questo modo non fate altro che mettere unicamente in cattiva luce Castano», dichiaravano in varie occasioni. E aggiungevano: «A voi interessa solo la polemica, non il bene del paese». Poi, guarda caso, ci avviciniamo alle elezioni e quelle problematiche riscontrate proprio dal nostro gruppo diventano anche delle loro priorità. Chissà… hanno aperto finalmente gli occhi pure loro oppure è merito dell’appuntamento elettorale?».

castano lega sicurezza – MALPENSA24