Spaccio nei boschi tra Castellanza e Marnate: i pusher arrivano dal Piemonte

carcere busto picchiava genitori

CASTELLANZA – Quella di ieri, giovedì 19 settembre, è stata una giornata proficua per la lotta allo spaccio svolta dagli uomini del commissariato della polizia di Stato di Busto Arsizio. Il controllo delle zone vicine ai boschi del circondario che sono notoriamente interessate dallo spaccio di droga ha infatti consentito di denunciare un quarantatreenne italiano, residente in Piemonte, intercettato alla guida della sua autovettura tra Castellanza e Marnate.

Controllato anche un minorenne

A bordo aveva circa 50 grammi di hashish, 9 di eroina e 1 di cocaina, sostanze che per varietà e quantità non potevano che essere destinata allo spaccio. Altri controlli effettuati nella stessa zona hanno permesso di denunciare anche un trentasettenne italiano residente in un comune vicino, trovano in possesso di un coltello a serramanico con impugnatura a tirapugni, e di segnalare alla Prefettura due consumatori, un uomo e una donna, con dosi di cocaina e hashish per uso personale. L’attività antidroga del commissariato di via Foscolo ha però riguardato anche l’ambito urbano: nel quartiere di Sant’Anna infatti i poliziotti, dopo un servizio di appostamento, hanno fermato un minorenne in bicicletta che aveva appena acquistato alcuni grammi di hashish. Avendo individuato il fornitore, gli agenti ne hanno perquisito l’abitazione e in cantina hanno trovato altri 16 grammi della stessa sostanza, bilancino e elenchi di nomi e cifre. Materiale che ha permesso di denunciare il pusher, un ventiseienne, per spaccio di droga aggravato dalla minore età dell’acquirente

castellanza marnate spaccio boschi – MALPENSA24