I coperchi di Satana

patrini cattolico voto

di Luigi Patrini

Il “contratto alla tedesca” (che in realtà chi conosce un po’ la politica tedesca sa bene che di tedesco non ha proprio nulla) sta palesando le sue fragilità non solo sul curriculum del Presidente proposto da M5S e Lega, ma soprattutto – come la satira televisiva ci propone citando vecchie dichiarazioni di leghisti e pentastellati – presenta la negazione di quanto i due partiti hanno sostenuto in passato, sia in ordine al disprezzo reciproco, sia in ordine a proposte che ora si stanno clamorosamente rimangiando. Lo sconcerto è ancora più grande se consideriamo l’inconsistenza progettuale e la levità (per dirlo in modo eufemistico) con cui le proposte di governo del Paese sono formulate. E peggiora ulteriormente se soppesiamo i rischi internazionali a cui ci porterà il nuovo Governo con il suo antieuropeismo e le sue aperture filo-russe chiaramente non gradite alla U.E. e alla NATO. La cosa più sconcertante, però, è che il nuovo Presidente del Consiglio scelto da Lega e M5S pare provenire da area PD, essere collegabile a Verdini (ex FI) e a Elena Boschi, cioè essere gradito, almeno indirettamente, anche a Renzi. Qualcuno comincia chiedersi: “Ma che ne è delle promesse più importanti con le quali i giallo-verdi hanno preso i voti?” Il reddito di cittadinanza sembra sostituito da una indennità di disoccupazione e rimandato al 2020, quando, verosimilmente, ci sarà un altro Governo! Per non parlare della aleatorietà delle coperture finanziarie alle molte …”innovazioni”!
E poi… mai più un premier non votato dagli Italiani e calato dall’alto! Appunto!
Mattarella avrà il suo bel da fare ora e in futuro, perché …se la cosa va avanti così, ne vedremo proprio delle belle! Sempre più chiaro apparirà che un conto sono le parole scritte sul “contratto alla tedesca” per accontentare i propri elettori e un altro conto quel che si potrà fare davvero.
La credibilità della politica crescerà ancora? Ne dubitiamo! Qui satana ha proprio dimenticato di fare i coperchi e anche il Gattopardo avrebbe qualcosa da ridire, perché – almeno questa volta – non sarà vero che “Tutto cambia per restare come prima”, questa volta la prospettiva è che “Tutto, ma proprio tutto, cambia per essere peggio di prima”, a conferma che al peggio non c’è limite!

Satana governo contratto – MALPENSA24