Italia viva Varese: «Gli Office sharing fanno bene all’economia e all’ambiente»

Italia viva innovazione librandi business
Da sinistra: Aristide Ngantcha, Gianfranco Librandi, Francesco Misiano.

VARESE – «Stato, Regione e Comuni incentivino la realizzazione di spazi di “Office Sharing” locali, dove lavoratori normalmente pendolari possano svolgere la loro giornata lavorativa, vicino casa, risparmiando soldi, tutelando l’ambiente e riducendo il traffico».  Questa la proposta che arriva da Italia Viva Varese ed in particolare dal Gruppo di Lavoro Impresa, Innovazione e Lavoro, coordinato da Aristide Ngancha, ingegnere, manager esperto nei settori Energia, Elettronica e Life Sciences, insieme a Francesco Misiano, giovane laureato in economia ed esperto in progetti di business transformation.

«Pensiamo – spiega Ngantcha – a degli spazi, situati in luoghi facilmente raggiungibili, magari immersi nei bellissimi contesti paesaggistici della provincia di Varese, dove i lavoratori pendolari possano lavorare in smart working. Degli uffici in affitto, dotati di banda larga ed altre comuni strumentazioni, prenotabili a breve o a lungo termine, magari attraverso una App, dai lavoratori stessi o dai loro datori di lavoro». Innumerevoli i vantaggi secondo Ngantcha, che continua: «I lavoratori ci guadagnerebbero in termini di qualità della vita ed anche economicamente, risparmiando i soldi dei viaggi quotidiani verso il lavoro, in auto o in treno. Anche le imprese ne gioverebbero in termini di efficienza e costi delle trasferte, ma i più importanti vantaggi riguarderebbero la riduzione dell’inquinamento ambientale e del traffico nelle aree metropolitane, e la valorizzazione dell’economia locale e del nostro territorio in generale».

La proposta è stata raccolta dal parlamentare saronnese di Italia Viva Gianfranco Librandi, imprenditore di successo che bene conosce la necessità di questo tipo di soluzioni urbanistiche e logistiche. «Insieme al Gruppo di Lavoro – dichiara Librandi – porterò avanti questa proposta che va rivolta ai Ministeri competenti, alla Regione e ai Comuni. Affinché possano svilupparsi delle formule normative e di incentivo che agevolino i privati e gli Enti Locali a realizzare questi spazi di lavoro, a beneficio di tutti».

varese italia viva office sharing – MALPENSA24