La chiesa longobarda e le monache senza volto di Torba

gornate monache torba

GORNATE OLONA – Costruita in epoca longobarda, a partire dall’VIII secolo, la chiesa di Santa Maria è il cuore del complesso monumentale di Torba, al pari della Torre del monastero. Sorto tra il V e il VI  secolo come avamposto difensivo attorno alla Torre romana, l’insediamento nella Valle dell’Olona, oggi nel comune di Gornate,  ebbe la stessa funzione militare con i Goti e i Bizantini e solo in epoca longobarda divenne sede di una comunità di monache benedettine, un cambiamento di “destinazione d’uso” testimoniato  dagli splendidi affreschi  di soggetto religioso che decorano l’interno della Torre, realizzati alla fine dell’VIII secolo, quando le monache riconvertirono l’edificio in oratorio e sepolcreto, costruendo in seguito la chiesa e il monastero.

gornate torba monache

La leggenda delle religiose in fuga

Di particolare interesse l’affresco, su una parete del secondo piano della Torre, che raffigura otto  monache tre delle quali senza volto.  Narra la leggenda che si tratta di religiose fuggite dal cenobio le quali, dopo la morte, tornarono ad aggirarsi come spiriti attorno al monastero nel tentativo di rientrare nell’affresco per trovare la pace eterna. Con l’arrivo delle monache, ai tre piani della Torre del V secolo fu aggiunta una colombaia ma l’edificio mantenne l’originaria struttura militare, con le finestre a feritoia accostate ad affreschi e iscrizioni che testimoniano la presenza di sepolcri di epoca longobarda.

gornate torba monache

 

Santa Maria, una storia travagliata

L’edificio di  Santa Maria, ad aula unica absidata con copertura a capriate lignee, fu costruito in più fasi tra l’VIII e il XIII  secolo e assunse l’aspetto attuale nell’ XI secolo  con il recupero delle strutture originarie. La chiesa ebbe successivamente una storia travagliata, come dimostra la varietà della tessitura muraria esterna. Un arco a destra della porta di ingresso ricorda il passaggio aperto quando la chiesa fu adibita a deposito di  attrezzi agricoli. La muratura esterna  dell’abside  è scandita da quattro lesene che delimitano cinque campiture entro le quali sono state ricavate monofore strombate; il perimetro superiore è decorato con archetti pensili in cotto tipici del romanico lombardo.

gornate torba monache

L’intervento del Fai

All’interno della chiesa sono state scoperte numerose sepolture e una cripta, databile all’VIII secolo, alla quale si accede da due scale in pietra poste lungo le pareti laterali. Non sono rimaste tracce della torre campanaria eretta nel IX secolo.  Abbandonato dalle monache benedettine nel 1482, il complesso fu trasformato in una cascina fino a quando, dopo un lungo periodo di degrado, nel 1977 fu donato al Fondo per l’ambiente italiano che, dopo lavori di recupero e di restauro, lo aprì al pubblico nel 1986.

Fausto Bonoldi

 

DOVE  In via Stazione a Gornate Olona.

QUANDO  Il Monastero di Torba, di proprietà del Fai, è visitabile a pagamento tutti i giorni tranne i lunedì e i martedì non festivi. Da marzo a settembre:  dalle 10 alle 18. Ottobre, novembre e seconda metà di febbraio:  dalle 10 alle 17. Ultimo ingresso mezz’ora prima della chiusura.  Per informazioni si può telefonare al numero 0331 820301.

gornate torba monache – MALPENSA24