La fotografia dell’industria varesina scattata da 4.300 studenti-reporter

legnano studenti fabbrica confindustria

VARESE – Gli studenti di terza media, protagonisti del PMI Day 2019 del comitato piccola industria di Univa, si trasformano in reporter per un’edizione speciale di Varesefocus, il magazine dell’Unione Industriali della provincia di Varese. Il risultato? La fotografia a tutto tondo delle imprese del territorio, attraverso le testimonianze dirette di 4.300 ragazzi e ragazze delle scuole. «Un resoconto esaustivo, sincero ed emozionante del patrimonio manifatturiero varesino» sintetizza il presidente degli industriali Roberto Grassi.

L’iniziativa

Come appare l’industria vista agli occhi di un ragazzo o di una ragazza di 13 anni? Come la racconterebbero se dovessero scrivere un articolo di giornale? Queste le domande e la provocazione che il magazine dell’Unione degli Industriali della Provincia di Varese, Varesefocus, ha lanciato ai 4.300 studenti di terza media che hanno visitato quasi 150 aziende del Varesotto nel mese di novembre dello scorso anno, dando vita ancora una volta alla più importante manifestazione di orientamento allo studio del territorio. Giornalisti per un giorno. È stato questo il filo conduttore, proposto dall’Unione Industriali per il decimo anno del progetto di avvicinamento alla cultura imprenditoriale, che per la prima volta ha unito scuole e imprese in un racconto della realtà manifatturiera varesina del tutto inedito. Risultato, dopo mesi di lavoro in pieno periodo Covid: un’edizione straordinaria sfogliabile sul digitale intitolata “Speciale Varesefocus Pmi Day 2019”. Gli studenti di 194 classi provenienti da 37 istituti del Varesotto, infatti, muniti di carta, penna, smartphone e registratori hanno avuto l’opportunità (prima della pandemia) di visitare le aziende all’ombra delle Prealpi nell’ambito del progetto di orientamento voluto ed organizzato in tutta Italia da Confindustria all’interno della settimana della Cultura d’Impresa e portato avanti a livello locale dal Comitato Piccola Industria di Univa. E fin qui, tutto normale. La vera novità è stata la veste con cui i ragazzi si sono presentati in azienda: come dei veri giornalisti, pronti ad intervistare imprenditori, scattare foto e realizzare video. Un impegno collettivo che ha portato alla stesura, da parte di ciascuna classe partecipante all’iniziativa, di un vero e proprio articolo in stile giornalistico. Ovvero: interviste, reportage, controllo delle fonti e delle notizie (insieme agli stessi imprenditori coinvolti), coordinamento con la redazione per l’invio di testi, foto e titolazioni.

Studenti reporter

«Un vero e proprio laboratorio per coinvolgere i ragazzi nel mondo della manifattura e del terziario avanzato non solo con visite passive, ma con un impegno in prima persona – spiega Roberto Grassi, presidente di Univa – cosa troverete sfogliando le pagine di questo speciale numero di Varesefocus? Il racconto schietto, diretto e disinibito del mondo dell’impresa visto attraverso gli occhi di chi, senza filtri e sovrastrutture, si affaccia timidamente e senza pretese al mondo del lavoro, ignorandone quasi del tutto le regole e le modalità. Il risultato di questi testi, redatti prima dell’avvento del Coronavirus, è un quadro di speranza, una ventata d’ottimismo che ci auguriamo possa accompagnarci in questi tempi tutt’altro che facili». Tutti gli articoli, con tanto di reportage fotografici, sono stati raccolti in un’edizione di oltre 370 pagine (sfogliabile digitalmente al seguente link). Come spiega Giancarlo Saporiti, presidente del Comitato Piccola Industria di Univa, «si tratta di un’edizione veramente particolare, costruita da una redazione ‘diffusa’ composta da penne brillanti e giovani. Per la prima volta in oltre 20 anni di storia, infatti, hanno preso parte alla stesura dei testi del magazine edito da Univa oltre 4.000 redattori, il più vecchio dei quali non superava i 14 anni. Il risultato lascia sbalorditi, così come ha sorpreso noi imprenditori che ci siamo visti allo specchio con un’immagine in parte inaspettata, perché priva di quei preconcetti che spesso alimentano la cultura anti-impresa del nostro Paese. Volete sapere cos’è oggi l’impresa? Leggete questo numero speciale di Varesefocus».

La nuova edizione

In vista dell’undicesima edizione del Pmi Day, che si svolgerà nel mese di novembre 2020, tenendo conto delle regole di distanziamento sociale imposte dall’emergenza sociosanitaria tutt’ora in corso, l’Unione Industriali sta lavorando per dare nuova vita al tradizionale appuntamento di orientamento con i ragazzi. «Lo speciale Varesefocus si trasformerà in uno strumento di didattica. Ma allo stesso tempo nuove formule di visita aziendale digitale e virtuale sono allo studio. Stay tuned!», anticipa, ma non troppo, ai ragazzi e alle scuole, Giancarlo Saporiti.

varese univa industriali studenti – MALPENSA24