Leonardo Martinelli: “Un grande Milan intimorisce il Manchester United a casa sua”

 

Leonardo Martinelli 

Manchester U Milan 1 1
Si respira aria di Champions, stasera a Manchester. Ed ecco il Milan, il Milan di Verona, mezza squadra fuori e molti ragazzi del ‘99. Il Milan domina il primo tempo, addirittura intimorisce il Man United, e siamo all’Old Trafford.  Ci annullano un gol per fuorigioco di Leao, non si vedono le linee ma non discutiamo. Poi Kessie, monumentale anche oggi, spara un diagonale all’incrocio. Si esulta, si torna a centrocampo poi la var d’impero annulla, handball, fallo di mano. Sinceramente ho visto e rivisto le immagini, il tocco di braccio non lo vedo. Forse la var ha immagini diverse? Sarebbe doveroso mostrarle, il dubbio stanotte rimane. Dominiamo, abbiamo altre occasioni ma il Man United su corner ha un’occasione clamorosa, sembrava gol.
Nel secondo tempo iniziamo timorosi, o sono loro aggressivi. Fatto sta che prendiamo un gol stupido, ns errore ma stasera non indico colpevoli. Molti iniziano a sorridere, ecco ora si sciolgono, invece riprendiamo come nel primo tempo, martellanti, con un bel gioco veloce e spettacolare. Purtroppo non finalizziamo, manca uno stoccatore.
Ma Manchester è casa nostra, abbiamo scritto grandi pagine di storia sportiva.
Ed alla fine Leao fa la migliore azione della partita e lo fermano in corner.
Cerco Kyaer in mezzo all’area, penso alle tre traverse che ha preso su corner. Mi sento addosso il gol, troppa ingiustizia perdere stasera. In TV chiamo Kyaer due volte, e lui ascolta, il vichingo. Pareggio, nella porta magica di Schevcenko. Giusto così, non siamo i favoriti per passare il turno ma l’Europa, da stasera, sa che il Milan c’è, il Milan è tornato a respirare questa soave aria che si può respirare solo a certe latitudini.

Leonardo Martinelli Milan-malpensa24