LO SCALCIO DEL CIUCCIO: “Non possiamo essere già così lontano dalla vetta a novembre

scalcio del ciuccio

Antonio Iovene 

Purtroppo capitoliamo ancora; siamo in una fase particolare del campionato e le cose non vanno come dovrebbero. La fase difensiva non va granché; quella che doveva essere il nostro punto di forza per ora non sta rispettando le attese. Siamo partiti molto contratti e la Roma ne ha approfittato attaccando e segnando con Zaniolo il gol del vantaggio. Non ci siamo svegliati dal torpore e la Roma, su indicazione del var, rischia di raddoppiare ma un grande Meret blocca il tiro di Kolarov. Da questo momento cambia la partita ed il Napoli attacca a testa basta mettendo alle corde i padroni di casa ma non riescono a pareggiare, facendo terminare il primo tempo sull’1-0.
La ripresa ricalca il primo tempo, con i giallorossi che spingono di più rispetto agli azzurri e trovano il raddoppio su calcio di rigore di Veretout per fallo di mano di Mario Rui. La partita sembra finita ma un lampo di Lozano sulla fascia permette a Milik di accorciare. Negli ultimi minuti il Napoli attacca a testa bassa ma non crea molto e la Roma vince 2-1.
Il potenziale della squadra non è questo; non possiamo essere ad 8 punti dalla vetta dopo 10 giornate. Ne possiamo fare affidamento poi solo sulla Champions o quanto meno mi auguro che non pensino questo.

Scalcio del ciuccio Malpensa24