Una nuova Marnate con i fondi regionali. «L’ex banca sarà un luogo per i giovani»

marnate tari negozi riduzione

MARNATE – E’ deciso. Arrivano 350 mila euro per rimettere a nuovo Marnate e l’amministrazione li investirà in parte per i giovani realizzando uno spazio tutto per loro nella ex banca. La giunta comunale ha deliberato una serie di interventi da attuare sul territorio finanziati da Regione Lombardia. «Appena è stata pubblicata la norma ci siamo subito messi al lavoro per individuare le necessità dei cittadini e le opere che potevano essere finanziabili», dice Luigi Luppi, assessore ai Lavori pubblici.

Serve tempestività

Interviene poi il sindaco, Elisabetta Galli, che sottolinea la grande opportunità data dalla Regione. «Questa è un’occasione da non perdere. Anche perché il 20% dei soldi arriverà già a fine anno. Quindi se non li sfruttiamo ora, andranno persi». Luppi spiega che i fondi devono essere utilizzati per la messa in sicurezza del paese e che tutti i lavori devono partire entro il 31 ottobre. «Quindi è essenziale mettersi all’opera», spiega l’assessore. «Ma è tutto pronto. Disegni e progetti. Stiamo solo aspettando di far partire i bandi di gara».

Ed ecco il risultato

«Il primo intervento sarà per la messa in sicurezza delle case popolari comunali in via Roma. Insomma, piove all’interno delle abitazioni, quindi dobbiamo assolutamente fare qualcosa. Sistemeremo il tetto», promette Luppi. «Con i soldi della Regione riqualificheremo anche l’immobile comunale della ex banca. Guardiamo al futuro, soprattutto ai giovani e all’inclusione. Perciò installeremo delle postazioni computer per fare delle attività di doposcuola. Costruiremo inoltre delle rampe per carrozzine e i doppi bagni per le persone portatrici di handicap. Ci siamo accorti che l’edificio non era assolutamente accessibile per le persone con disabilità, quindi vogliamo migliorarlo».

Il sogno di una vita

Nella lista di interventi attenzione anche alla viabilità: «Finalmente potremo fare la rotatoria su via De Gasperi, all’incrocio con via Ticino e via Di Vittorio. E’ un punto da sempre pericoloso e negli anni ci sono stati anche incidenti mortali. Inoltre, con i soldi che avanzano, realizzeremo il marciapiede che andrà dal cimitero fino alla via Ticino. In questo modo potremo realizzare un collegamento pedonale in sicurezza tra Nizzolina e Marnate, anche per la linea del Pedibus».

Guardiamo al futuro

«Questi sono i progetti più urgenti – continua Luppi – ma non vogliamo fermarci qui. Speriamo in futuro di implementare l’illuminazione led su tutto il paese e ovviamente anche il fotovoltaico. Soprattutto nel Comune e nelle scuole. Ma per ora non mettiamo troppa carne al fuoco. Facciamo questi interventi e portiamoli a termine. Non vogliamo lasciare debiti alle generazioni future».

marnate lavori pubblici regione – MALPENSA24