Bossi e il nuovo governo: «Silvio sarà arrabbiatissimo»

bossi dimesso ospedale

LONATE POZZOLO – “Tutti bravi, ma Mattarella di più”. Umberto Bossi ha voglia di parlare, di dire la sua sulla formazione del nuovo governo giallo/verde. E stavolta non usa la clava, va sul velluto, contento che a Roma ci sia finalmente un esecutivo. Ospite nella redazione di Malpensa24, il fondatore della Lega dichiara che “il presidente Mattarella aveva due strade: o favorire la nascita di un governo o mandare il Paese alle elezioni. Ha lavorato di fino per evitare il tracollo. E’stato bravo a mettere tutti d’accordo”.

 E Matteo Salvini? E Gigino Di Maio?
“Bravi anche loro” si lascia andare il Senatùr. Poi, quasi a precisazione: “Questo è però il governo del presidente”.

Come, in che senso?
“L’ha voluto Mattarella. In questo senso”.

Lega e Cinque Stelle sono partiti diversi, nella forma e nei contenuti. Che ne dice?
“Dico che devono lavorare per il bene del Paese. E del Nord”.

Lei è sempre lì, al Nord. Salvini si espande anche al Sud.
“L’importante è che porti a casa l’autonomia di Lombardia e Veneto. Il resto si vedrà”.

Quanto dura questo governo?
“Se riescono a far quadrare i conti, durerà”.

Il problema è soprattutto nella mancanza di risorse.
“Però hanno davanti un periodo di sicuro impegno. Il sistema ha paura di restare senza governo. Basta guardare i mercati in questi ultimi giorni per capire come stanno le cose”.

Un suo giudizio su Giuseppe Conte, il premier.
“Non lo conosco. Mi auguro che Salvini abbia scelto bene”.

Troppi i tecnici tra i ministri?
“L’importante che sappiano il fatto loro. E che portino a casa i risultati”.

Tempo fa lei disse che le elezioni erano alle porte. Si è ricreduto?
“Lo dicono i fatti”.

Il suo amico Silvio Berlusconi non pare sia molto contento della soluzione che è stata trovata a Roma. L’ha sentito?
“No, devo ancora chiamarlo. Sarà arrabbiatissimo”.

Appunto.
“Gli dirò una cosa soltanto: Silvio, sei stato sconfitto dalla forza della realtà”.

Bossi salvini governo – MALPENSA24