Rapina tra stranieri: marito e moglie picchiano connazionale

somma fuga egitto

BUSTO ARSIZIO – Rapina con colluttazione tra cittadini africani. All’inizio sembrava una semplice lite, ma l’intervento degli agenti di polizia del commissariato di Busto Arsizio ha fatto venire a galla una rapina. L’intervento si è concluso con l’arresto di un uomo e una donna. Ma andiamo con ordine. I fatti risalgono allo scorso mercoledì 6 giugno quando, alle 12,30 circa, la volante del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio è intervenuta in viale Stelvio, all’altezza degli uffici dell’ASL, dove era stata segnalata una violenta lite tra due uomini e una donna di origini africane. Al momento dell’arrivo della pattuglia gli uomini erano ancora avvinghiati e sono stati separati a fatica dagli agenti. Dai primi riscontri è emerso che uno dei due, nigeriano come gli altri protagonisti della vicenda, aveva sul volto i segni delle percosse e che i pantaloni erano strappati all’altezza di una tasca.

Il presunto debito

La presunta vittima ha spiegato ai poliziotti che poco prima aveva casualmente incontrato la sua connazionale e il marito, peraltro in compagnia dei tre figli di tenera età, i quali lo avevano minacciato intimandogli l’immediato pagamento di una somma di denaro a saldo di un debito a loro dire risalente a circa tre anni fa. Debito però negato dall’altro soggetto coinvolto. Mentre l’uomo gli metteva le mani addosso, colpendolo con dei pugni al volto e all’addome, la donna avrebbe incitato il marito e, approfittando del fatto che la tasca dei pantaloni era stata strappata, si sarebbe impossessata del suo portafogli e dei 35 euro che conteneva. Somma che effettivamente la donna, sedutasi a bordo dell’automobile all’arrivo della volante, aveva ancora in mano. I due coniugi di 31 e 34 anni, in possesso di permesso di soggiorno e domiciliati in provincia di Novara, sono stati arrestati per rapina. L’uomo è stato trasferito in carcere e la donna agli arresti domiciliari.

busto arsizio polizia Malpensa24