La Coop di Busto è pronta. Apre mercoledì: «Abbiamo fatto bene alla città»

coop busto apre

BUSTO ARSIZIO – La Coop è pronta a scrivere un nuovo capitolo della sua presenza in città che dura ormai da più di 130 anni. E lo farà a partire da mercoledì 24 ottobre, quando alle 9 aprirà il nuovo punto vendita di viale Duca d’Aosta. Ma in realtà l’incipit è stato già scritto questa mattina, venerdì 19 ottobre, quando le porte del supermercato, dopo 10 mesi di cantiere, si sono aperte per la presentazione in anteprima alla stampa.

«Abbiamo fatto bene alla città»

L’arrivo della Coop in centro in questi mesi di lavori ha suscitato non poche polemiche. Dalla posizione del supermercato stesso, alla realizzazione della nuova rotonda con tanto di taglio dei tigli, alle paure legati a traffico e inquinamento. Ed è proprio da questi argomenti, senza alcun cenno alle polemiche e con la forza dei numeri che questa mattina i vertici di Coop Lombardia e il progettista hanno di fatto smentito tutti i timori.

«Abbiamo recuperato la storia della città in alcune scelte architettoniche come la facciata in ferro battuto – ha spiegato l’architetto progettista Nicola Marinello – Abbiamo rinnovato il viale Duca d’Aosta e con la rotonda portato benefici tangibili. Si sono, infatti, ridotti, i tempi di attraversando, si è abbassata la velocità media da 50 a 30 chilometri orari e anche le soste di attesa si sono ridotte. Non solo. La presenza di tantissimo verde e di nuove essenze arboree ha abbattuto di quasi 10 decibel il rumore nella zona. Gli alberi, infatti, frammentano il suono dei mezzi e di questo ne beneficiano tutti i residenti del quartiere».

E ancora. Gli oltre 200 posti auto del supermercato sono a disposizione anche per i cittadini che non fanno la spesa alle stesse condizioni economiche delle strisce blu cittadine. Insomma l’obiettivo di Coop non è solo quello di insediarsi, ma anche di integrarsi con il contesto urbano e sociale della città. E questo lo spiega Daniele Ferrè, bustocco e presidente di Coop Lombardia: «Con questo supermercato vogliamo essere una moderna presenza in città. Apriamo in un luogo simbolo, proprio in centro e vicino a una fabbrica che era presidiata per lo più da donne. E di questo, come si può vedere, ne abbiamo tenuto conto nella progettazione e nella realizzazione».

Cosa resta da fare dentro al Borri

Questa mattina è scattato il conto alla rovescia. Anche se dentro al supermercato e nelle zone esterne, sempre di pertinenza Coop, si continua a lavorare per far sì di arrivare con ogni dettaglio in ordine nel giorno d’apertura. Senza dimenticare che poi ci saranno ancora una serie di opere da eseguire all’interno dell’area dell’ex calzaturificio. Alcune già definite, altre, come la sistemazione del verde, ancora in via di definizione. E di questo ne parla nel video Davide Alfano, della ditta che ha realizzato i lavori.

Orari, ingressi, uscite e passaggio pedonale

Il punto vendita aprirà al pubblico alle 8.30 e chiuderà alle 20.30. Solo bar e parcheggio entreranno in funzione 40 minuti prima dell’ora di apertura. «Abbiamo scelto di aprire alle 8.30 perché non vogliamo caricare di ulteriore traffico le strade della zona in un orario che sappiamo essere delicato – spiega Ferrè – Nei primi sei mesi di apertura poi studieremo i flussi e valuteremo se anticipare o mantenere gli orari stabiliti ora».

Niente da fare invece per le possibili nuove uscite sul retro e sul controviale. La proposta di Coop di dare maggior sfogo ai clienti per evitare intasamenti non verrà realizzata. «Entro la data di apertura – spiegano Alfano e Ferrè – dovremo poi costruire un muro che dividerà in maniera netta la nostra proprietà da quella comunale del Borri».

Verrà invece realizzato un passaggio pedonale tra l’area del Borri e quella del supermercato che creerà una connessione veloce tra il lungo viale alberato e via Pisacane.

Dai piccoli negozi di quartiere ai due supermercati

Numeri e chicche

Il giardino verticale è una delle peculiarità di questo edificio. Sono circa 2000 metri quadrati di verde con nuove essenza arboree. Insomma il verde del parco del Borri ora corre sulle facciate e sulla copertura del supermercato. Verde fuori, ma anche dentro. Quello di Busto, dal punto di vista “green” è uno dei supermercati più avanzati dell’intera catena. «L’edificio – dicono i vertici Coop – è quasi a impatto zero». Verde anche lungo il viale. La decina di tigli abbattuti è stata rimpiazzata da 34 nuovi esemplari, posizionati lungo tutto il viale. «Abbiamo implementato il patrimonio arboreo di viale Duca d’Aosta».

Un ulteriore dettaglio di attenzione all’ambiente lo si trova nel parcheggio sotterraneo. Qui è stata posizionata una colonnina di ricarica per le auto elettriche con 4 postazioni. Chi invece andrà a fare compere in bicicletta troverà una rastrelliera con 45 posti a raso dove lasciare il proprio mezzo. Infine un tocco orientale. All’interno sarà possibile mangiare sushi e piatti della cucina giapponese cucinati da veri giapponesi.

Giù il velo: ecco com’è dentro

coop busto apre – MALPENSA24