Denunce e Daspo ai tifosi della Pro Patria: bottigliate con i tifosi della Pergolettese

pro patria mercato

BUSTO ARSIZIO -Sette denunce e dieci Daspo: è questo il bilancio dell’attività condotta dalla sezione informativa del Commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio dopo le intemperanze commesse dagli ultras prima della partita tra Pro Patria e Pergolettese dell’8 aprile scorso.

La ricostruzione

Secondo la ricostruzione, in quella circostanza, una quarantina di sostenitori della squadra cremasca arrivarono nei paraggi dello stadio “Speroni” circa quattro ore prima del fischio di inizio con un autobus del quale non avevano voluto fornire indicazioni alla Polizia. Alla luce di quanto successivamente accaduto, il commissariato non esclude che l’arrivo anticipato e “in incognito” a Busto Arsizio sia avvenuto proprio per eludere i controlli delle Forze dell’Ordine e venire a contatto con i sostenitori bustocchi. Sempre secondo la ricostruzione investigativa, un gruppetto di tifosi di casa, avrebbe individuato l’autobus degli ospiti con a bordo il solo autista che, dopo aver fatto scendere i passeggeri vicino a un bar in località Buon Gesù, aveva parcheggiato il mezzo e si stava rifocillando.

La rissa a bottigliate

Ne seguì un ricognizione esplorativa durante la quale un ultrà di casa, spintonando e facendo cadere l’autista, si impossessò del “trofeo” rappresentato da uno zainetto lasciato a bordo da un tifoso avversario. Successivamente un gruppetto di tifosi della Pro Patria si diresse verso il bar nel quale si trovavano i tifosi della Pergolettese dando vita a un breve quanto intenso scontro, con lancio di bottiglie, durante il quale furono danneggiati arredi del locale e una vettura parcheggiata nelle vicinanze. Le due fazioni si divisero, il gruppo di tifosi ospiti si diresse a piedi allo stadio e la manifestazione sportiva si concluse senza ulteriori problemi. Le indagini svolte dai poliziotti di via Foscolo con la collaborazione dei colleghi del Commissariato della Polizia di Stato di Crema hanno permesso di identificare sette ultras, tre della Pro Patria e quattro della Pergolettese e di denunciarli alla Procura della Repubblica di Busto Arsizio per rissa, danneggiamento e lancio pericoloso di oggetti. Per loro e per altri tre sostenitori bustocchi inoltre il Questore di Varese ha avviato il procedimento per l’applicazione del divieto di frequentare le manifestazioni sportive.

Daspo Pro Patria-MALPENSA24