Don Mazzi e Caianiello di nuovo sul palco. L’incasso per i senzatetto di Gallarate

caianiello mazzi gallarate

GALLARATE – Spettacolo e scambio di opinioni politiche per fare del bene, con un inedito e quanto mai variegato confronto a quattro voci.
Tornano sul palco per la terza volta, per raccogliere fondi, Exodus e l’associazione Agorà Liberi e Forti con i loro uomini di punta, don Antonio Mazzi e Nino Caianiello. Che stavolta non saranno soli perché con loro ci saranno il viceministro allo Sviluppo economico Dario Galli e l’assessore regionale all’Ambiente Raffaele Cattaneo per la serata di beneficenza #Nientedipersonale. Conduce la giornalista Stefania Bardelli.

Dialogo tra voci politiche

Scopo della terza serata tutta nuova (o quasi) nei nomi, sarà tutto benefico. Obiettivo, infatti, quello di raccogliere fondi per il Comune di Gallarate per gestire l’emergenza abitativa in città: «Il nostro obiettivo è sostenere progetti concreti per alcune situazioni particolarmente critiche di Gallarate: la zona della stazione, le ex Officine Fs di via Pacinotti, lo stabile di fronte all’ospedale Sant’Antonio Abate» spiega Roberto Sartori, braccio destro di don Mazzi.
Dopo il tutto esaurito al concerto dei Luf al teatro del Popolo, l’idea è quindi di cavalcare il successo dello spettacolo per fare del bene attraverso un dialogo un po’ fuori dalle convenzioni. In questo caso, infatti, la differenza rispetto agli altri appuntamenti è l’aver ricercato, per gli ospiti dello spettacolo, «personalità diverse tra loro per un confronto tra stili che rappresentino le tante anime del centrodestra», in un dibattito a più voci, quindi libero e aperto al confronto, per mettere la politica al centro, in mezzo ai fatti e ai problemi della gente: un aspetto che in questo senso «accomuna sicuramente Agorà, in cui pensiamo che la politica debba essere concreta, con una realtà come quella di Exodus, che appunto fa fatti più che parole». A dirlo è Marcello Pedroni, presidente di Agorà, associazione che ha con Exodus un rapporto consolidato. La speranza è che il dialogo si rafforzi anche «con il sindaco Cassani, dopo un’inizio difficile. Speriamo che si apra, con questa raccolta fondi, una stagione diversa».
L’appuntamento è per il prossimo lunedì 19 novembre al teatro del Popolo alle ore 20.45.

caianiello mazzi gallarate – MALPENSA24