Marocchino col permesso scaduto inseguito ed espulso. Ubriaco al volante: via l’auto

marocchino espulso ubriaco

GALLARATE – Lo hanno inseguito per almeno un chilometro, da via Dubini a via Torino, prima di riuscire a fermarlo e capire il perché della fuga. Gli agenti della polizia locale di Gallarate, una volta controllati i documenti dell’uomo, un cittadino marocchino del 1989, hanno subito compreso il motivo per il quale lo straniero non volesse sottoporsi al controllo di rito e alla eventuale sanzione per commercio abusivo: il suo permesso di soggiorno era scaduto e gli era stato negato il rinnovo a causa di alcuni reati commessi nel suo periodo di permanenza in Italia. Permanenza terminata per sempre, dopo il fermo da parte degli uomini del comando di via Ferraris e, soprattutto, dopo l’espulsione immediatamente eseguita dall’ufficio immigrazione.

In azione agenti in borghese

Gli agenti della squadra speciale in borghese creata ad hoc proprio per contrastare l’abusivismo commerciale, erano entrati in azione in via Dubini, zona dove venditori e posteggiatori abusivi si concentrano a causa della vicinanza con l’ospedale Sant’Antonio Abate. L’extracomunitario è fuggito gettando a terra la sua merce, appena gli agenti si sono palesati. L’inseguimento si è concludo nei pressi dell’area mercato, davanti all’Expert.

Alcol test da paura

Non ha invece minimamente accennato alla fuga, l’automobilista fermato sabato scorso, 4  agosto. Anche perché non ne avrebbe avuto le forze: troppa la quantità di alcol assunta. Sottoposto ad alcol test, l’esito (per lui) è stato devastante: la percentuale “alcolica” rilevata era di 2,43, molto oltre la soglia dello 0,5 prevista per legge. Inevitabile la confisca del veicolo, un fuoristrada Suzuki praticamente nuovo.
L’auto non gli verrà più restituita, ma venduta (con il ricavato che andrà nelle casse dello Stato) o assegnata a qualche ente pubblico. L’uomo, un 40enne italiano della zona, ha ammesso di non sapere cosa realmente rischiasse mettendosi al volante in quelle condizioni, ovvero la confisca del mezzo.

marocchino espulso ubriaco – MALPENSA24