Lotta al degrado, da Fondazione Cariplo oltre un milione di euro per il paesaggio

fondazione cariplo degrado paesaggio
Andrea Mascetti, coordinatore della commissione Arte e Cultura di Fondazione Cariplo

MILANO – Tutela e valorizzazione del paesaggio sono i temi al centro del bando di Fondazione Cariplo “La bellezza ritrovata”, alla sua prima edizione. Oltre un milione di euro di budget sarà destinato a promuovere iniziative volte a ristabilire l’integrità di contesti deturpati o in stato di degrado attraverso interventi di mitigazione e, laddove necessario, di eliminazione di porzioni di immobili: un approccio necessario che, anche attraverso il fondamentale processo di coinvolgimento delle comunità di riferimento, può rivelarsi decisivo per il portato storico e valoriale del territorio.

Presentazione e candidature

I particolari del bando saranno illustrati in streaming giovedì 27 gennaio alle 10.30 sul sito di Fondazione Cariplo: all’evento saranno presenti Giovanni Fosti, presidente di Fondazione Cariplo e i referenti dell’area Arte e Cultura. Le candidature dovranno pervenire entro il 28 aprile e dovranno prevedere azioni di mitigazione ed eliminazione delle incoerenze su aree, manufatti ed edifici, o porzioni di essi, volti a ristabilire l’integrità o a ritrovare la bellezza in contesti paesaggistici deturpati, determinando quindi un positivo impatto sul paesaggio circostante e nuove prospettive di valorizzazione, fruizione e rinaturalizzazione del luogo.

Linee guida per una grande rivoluzione

L’Italia è il Paese della «grande bellezza» conosciuto in tutto il mondo per l’importante patrimonio culturale, storico e paesaggistico, caratterizzato, tuttavia, anche dalla presenza di interventi spesso irrispettosi del paesaggio, collocati sia nelle aree urbane – centrali e periferiche – sia in contesti extraurbani.
Ripristinare la bellezza attraverso l’individuazione di soluzioni che possano contribuire a ristabilire l’integrità di un contesto originario è una delle azioni possibili per la valorizzazione del paesaggio nelle sue componenti naturali e culturali, nella consapevolezza dell’importante componente di soggettività, emotività e memoria che i luoghi che ci circondano, nei quali viviamo e da cui proveniamo, portano con sé.

«Attraverso questo nuovo bando vogliamo sostenere le comunità nel riappropriarsi di luoghi significativi per le persone che li abitano», ha spiegato Fosti. «Ripristinare bellezza non è solamente un’operazione di restauro, ma è un’azione ricca di senso che apre nuove possibilità di guardare e vivere il proprio territorio».

«Negli anni del dopoguerra le nostre città si sono riempite di “non luoghi”, che si caratterizzavano per bruttezza e spesso per una scarsa utilizzabilità da parte della comunità», ha osservato Andrea Mascetti, coordinatore della commissione Arte e Cultura di Fondazione Cariplo. «Con questo bando vogliamo offrire le linee guida per una grande rivoluzione che rimetta il principio estetico della bellezza al centro delle nostre vite».

Gli obiettivi strategici 2022

Per il 2022 Fondazione Cariplo ha rivisto la propria programmazione organizzandola secondo alcuni obiettivi strategici: sfide demografiche, cambiamento climatico, tutela dell’ambiente e della biodiversità, contrasto alla povertà, occupabilità, nuove forme della partecipazione culturale, ricerca scientifica, sistemi territoriali di welfare, abitare sociale e capacity building delle organizzazioni non profit. Sul fronte della cultura ha previsto, per esempio, 12 milioni di euro per il recupero di spazi in abbandono o poco utilizzati, per mitigare le brutture sui territori e valorizzare il patrimonio culturale e paesaggistico, favorire il riavvicinamento del pubblico alle attività culturali e promuovere percorsi educativi e di formazione nelle scuole.

L’ente intende inoltre supportare il ripensamento e il rinnovamento delle forme di partecipazione culturale, sperimentando nuovi modelli di fare e vivere la cultura come modalità di crescita per le persone e sviluppo dei territori. Fondamentale sarà coinvolgere pubblici diversi nelle attività e nei luoghi della cultura, ripensare i modelli di offerta e soprattutto di accesso all’arte e alla cultura, come con il bando Sottocasa per arricchire l’offerta culturale nei territori fragili di Milano, sostenendo iniziative capaci di promuovere la partecipazione culturale di fasce sempre più ampie della popolazione residente e di intercettare pubblici sia locali sia cittadini.

Nei suoi primi trent’anni anni di attività Fondazione Cariplo ha contribuito alla realizzazione di oltre 35mila progetti nel campo dell’arte e cultura, dell’ambiente, della ricerca scientifica e del sociale, mettendo a disposizione di queste iniziative risorse pari a 3,5 miliardi di euro. Nel dettaglio ha reso possibile la realizzazione di oltre 13mila progetti culturali sul territorio della Lombardia e delle province di Novara e Verbania destinando a questo settore ben 1161,2 milioni di euro.

fondazione cariplo degrado paesaggio – MALPENSA24