I City Angels ai pronto soccorso per un corso di formazione contro le aggressioni

busto ospedale city angels

BUSTO ARSIZIO – Aggressioni al pronto soccorso: sono diminuite del 37 per cento le denunce di infortuni degli operatori sanitari in seguito a episodi di violenza. Un dato indicativo, che dimostra come sia cresciuta la capacità, da parte di medici e personale, di gestire le potenziali azioni di conflitto prima che deflagrino.
Il problema nei presidi ospedalieri, dove si gestisce 24h l’emergenza, resta comunque di grande importanza. E lo conferma un altro dato, ovvero la media annua, che si attesta attorno ai 100 casi. È per questo che nella mattinata di oggi, mercoledì 5 febbraio, la direzione dell’Asst Valle Olona ha presentato in conferenza stampa i corsi di formazione, diretti al personale, per imparare a gestire al meglio le criticità. Alla presentazione alla stampa erano presenti (nella foto a partire da sinistra): Andrea Menegotto, master coach dei City AngelsMarco Passaretta  e Andrea Bocchieri, rispettivamente direttore amministrativo e dirigente del servizio di prevenzione e protezione dei rischi dell’Asst Valle OlonaFrancesca Crespi Rita Baltieri, rispettivamente direzione medica di presidio e coordinatrice pronto soccorso di Busto.

Il punto di partenza

Sono tre i pronto soccorso sui quali l’Asst Valle Olona sta lavorando per ridurre gli episodi di aggressione del personale. Si tratta dei presidi di Gallarate, dove un primo corso è già stato effettuato qualche mese fa, Busto e Saronno. Che cubano oltre 160 mila accessi all’anno.
La direzione ha quindi deciso di affrontare quella che è a tutti gli effetti una criticità, predisponendo un piano operativo su un doppio livello: quello della formazione del personale e quello del miglioramento dell’efficienza della presa in carico del paziente. Poiché, ha spiegato il coordinatore del ps di Gallarate Massimo Grauso, presente in conferenza, «spesso è la lunga attesa una delle cause che scatenano la rabbia degli utenti».
Per quanto riguarda il corso di “Wilding” (così si chiama la tecnica che verrà insegnata), si tratta di tecniche di autodifesa e autoprotezione semplice perché istintiva. «Non si tratta di un corso di difesa personale – ha spiegato Andrea Menegotto, referente dei City Angels e docente del percorso formativo – non richiede prestanza fisica o abilità tipiche delle arti marziali dalle quali però attinge, prendendone spunto, e si basa su psicologia e prevenzione».

Investire su strutture, personale e formazione

A delineare invece le azioni che l’azienda ospedaliera ha messo in campo, o metterà in campo, ci ha pensato Marco Passaretta, il direttore amministrativo. «La volontà è quella di intervenire tenendo conto della complessità di questi reparti. Ovvero sotto il profilo strutturale, e lo stiamo facendo a Gallarate, entro la fine dell’anno riqualificheremo la sala d’attesa di Saronno; sotto il profilo del personale, poiché la carenza è nota. In questo caso è in corso la riorganizzazione delle attività di primariato: abbiamo in programma un bando per un posto da primario per Busto e Gallarate. Inoltre si sono appena concluse le selezioni per due responsabili di distretto a Gallarate e Saronno e investiremo anche sul personale infermieristico».
Un piano articolato insomma, «perché per ridurre il fenomeno – ha ribadito anche il direttore sanitario – è fondamentale lavorare sul miglioramento della presa in carico del paziente, sulla riduzione dei tempi di attesa anche per i codici minori. E per farlo sono necessari i corsi di formazione, ma anche una progettazione strutturale e organizzativa migliore dell’attuale».

I nuovi corsi

I nuovi corsi per gli operatori del pronto soccorso di Busto e Saronno si svolgeranno in due edizioni per ogni presidio e saranno di sette incontri pomeridiani, di tre ore l’uno. Si inizia il 12 marzo e si termina il 3 dicembre 2020, con una media di un incontro mensile di formazione. Ieri, martedì 4 febbraio, all’ospedale di Saronnosi è tenuta la presentazione del piano formativo ai dipendenti e oggi ha avuto luogo per il personale che opera a Busto Arsizio. All’ospedale di Gallarate, si terrà  invece un corso di re-training (aggiornamento) per lo stesso personale che avverrà da maggio a ottobre 2020.

city angels pronto soccorso – MALPENSA24