Lonatesi nel mondo, il Tacuìn da Lunà 2019 racconta storia e radici che crescono

lonate proloco emigrati

LONATE POZZOLO – Radici comuni che crescono attraverso il mondo. Storie e tradizioni che il tempo e le distanze non affievoliscono, ma al contrario rafforzano. Sono le storie dei lonatesi del mondo e precisamente di quelli della comunità di San Rafael, di cui quest’anno ricorre il trentennale del gemellaggio e che la pro loco di Lonate ha voluto raccontare nel Tacuìn da Lunà, il calendario 2019 presentato oggi 8 dicembre alla Periferia Sociale.

Lonatesi negli States

Le storie delle migrazioni sono particolarmente sentite a Lonate, ma altrettanto sentito è il rapporto con il territorio d’origine da parte di chi vive a migliaia di chilometri di distanza. Sono trascorsi trent’anni dal gemellaggio, avvenuto nel 1998, con la città di San Rafael nella baia di San Francisco, dove è grande e forte la comunità dei lonatesi. Ad agosto una delegazione è partita da Lonate per participare al tradizionale barbecue che a San Rafael riunisce la comunità. Il calendario del 2019 vuole quindi mettere su carta il ponte ideale che unisce le due cittadine e suoi abitanti, raccontando non solo i momenti di scambio dell’estate scorsa ma anche pezzi di vita lonatese negli States, dalle case alla Lonatese Fountain decorata con simboli e nomi delle famiglie emigrate. Un progetto che è dunque «la conclusione di un viaggio, quello iniziato nei nostri migranti nel secolo scorso e che si è rinvigorito con il tempo – spiegano i membri della pro loco – e che il gemellaggio ha permesso di continuare con il tempo. I lonatesi di San Rafael hanno addirittura istituito il Lonatese day per la prima domenica di agosto, e questo ci rende orgogliosi». Un rapporto con i fratelli e le sorelle di una comunità che vivono lontani, ma che assolutamente non dimenticano.

lonate proloco emigratiUn anno di Periferia Sociale

Ed è importante il ruolo che anche il mondo dell’associazionismo cittadino svolge nel rendere sempre salde le radici di Lonate. Un lavoro che la pro loco continua anche in memoria dei tanti valori lasciati da una sua colonna portante, Rino Garatti, prematuramente scomparso: per lui, già ricordato nella serata di consegna del premio sant’Ambrogio di ieri sera, una menzione speciale anche questa mattina, per aver ispirato tanto l’impegno della pro loco lonatese. Che intende continuare su questa strada anche ribadendo l’importanza di lavorare in sinergia con tutte le associazioni del territorio: «Se le forze convergono, possiamo fare tanto per Lonate». E ne è la prova che la presentazione del Tacuìn da Lunà è stata ospitata oggi dalla Periferia Sociale, che proprio oggi festeggia il suo primo compleanno, dopo 365 ricchi di eventi. Commenta Tania Manfredelli: «Un anno con tanti appuntamenti, abbiamo cercato di portare il bello a Lonate trasmettendo soprattutto emozioni. Possiamo già dare l’appuntamento al prossimo anno».

lonate proloco emigrati – MALPENSA24