Lonate, il sindaco Rosa: i regali di Natale li ho donati ai poveri

regali sindaco lonate

LONATE POZZOLO – La legalità non è solo una dichiarazione teorica. È anche e soprattutto fatta di azioni concrete e dirette, applicabili nel quotidiano. Un codice etico che ognuno dovrebbe seguire: anche su questo c’è stato confronto nel corso dell’ultimo consiglio comunale a Lonate Pozzolo, quando è stato svelato, fra le altre cose, che i doni che il sindaco ha ricevuto per questo Natale verranno donati a chi ne ha più bisogno.

Etica e trasparenza

Lo scorso 18 dicembre in consiglio a Lonate è stato approvato, all’unanimità, il nuovo regolamento della Consulta comunale per la legalità che ha il fine di prevenire azioni di illegalità sul territorio. Un risultato ottenuto, con la soddisfazione di tutti, grazie al lavoro in sinergia da parte di maggioranza e minoranza insieme. Al punto che è emersa la necessità di fare ancora di più, con la richiesta da parte di Ausilia Angelino (Centrodestra per Lonate) rivolta al sindaco Nadia Rosa: «Prima delle elezioni è stato dichiarato che ci sarebbe stata l’adesione alla Carta della legalità (Carta di avviso pubblico, ndr): non si può pensare anche a questo?» Trattasi dell’adesione ad un codice che va a regolamentare l’azione amministrativa dal punto di vista etico e legale appunto, al fine di assicurarne la trasparenza. Adesione che però «ha un costo – spiega il sindaco – se ne può certo parlare, per ora è stata messa dietro ad altre urgenze. Ma avrebbe lo stesso fine darci un codice etico da seguire autonomamente».

Regali ai bisognosi

Legalità ed etica passano dai comportamenti concreti, appunto. Viene svelato così da Giancarlo Simontacchi, assessore con delega alla Cultura e allo Sport, che «tutti i presenti che il sindaco sta ricevendo in questo periodo verranno ritirati da un’associazione che li distribuirà a chi ne ha bisogno. So che si arrabbierà per questa mia dichiarazione, ma ci sono comportamenti semplici che possiamo assumere tutti». Dalla teoria alla pratica «senza bisogno di aderire a qualcosa formalmente».
La stessa Ausilia Angelino concorda con il gesto «Anche io, da assessore, portavo i fiori che mi venivano donati alla Madonna, e i regali al centro anziani». Come riassunto dal sindaco, «a volte bastano comportamenti concreti, senza adesioni a regolamenti fatti da altri, per seguire un codice etico con gli stessi effetti. Comportamenti che, sono sicura, sono già insiti in ognuno di noi».

regali sindaco lonate – MALPENSA24