Icardi al PSG: interisti contenti; ma è stato un affare?

icardi

 

Mauro Icardi a un passo dal PSG per una cifra che oscilla tra i 55 e i 60 milioni di euro. Un affare oppure no? L’aspetto della faccenda che più colpisce è senza dubbio la soddisfazione della grande maggioranza dei tifosi interisti contenti per la cessione a titolo definitivo dell’ex capitano. Quasi un sentimento liberatorio: un fastidio che se ne va in un lampo. Icardi aveva collezionato 124 gol in maglia nerazzurra, ma a tanti tifosi non sono mai andati giù alcuni dei comportamenti tenuti dal giocatore, in particolare a cavallo del febbraio 2019 quando la società gli tolse la fascia di capitano. L’ingombrante moglie manager non è che lo abbia aiutato: anzi i suoi atteggiamenti probabilmente hanno irrigidito ulteriormente i rapporti. E dunque averlo venduto a quelle cifre è stato un affare oppure no?
Prima di febbraio 2019 cederlo a una cifra inferiore a 60 milioni sarebbe stato un delitto. Icardi segnava a raffica, non aveva ancora un grande pedigree internazionale, ma in Italia aveva la riconoscibilità del grande bomber. Peraltro si era anche affacciato in Champions con buoni risultati e dunque tutto faceva immaginare che l’argentino con le cifre che circolavano avrebbe potuto avvicinare la clausola rescissoria di circa 110 milioni di euro. Ma poi il crollo. E con tutto ciò che è successo tenendo conto anche di due fattori importanti, l’emergenza sanitaria e la scadenza a un anno del contratto, si può dire che Marotta abbia confezionato un buon affare. Si poteva fare molto meglio prima, ma a causa di errori generali nella gestione del giocatore, alla fine di è ottenuto il massimo che si poteva fare. Il più contento di tutti è Icardi che guadagnerà 10 milioni annui a stagione a Parigi con una squadra che ogni anno si giocherà le proprie chance per vincere la Champions League.

Mauro Icardi Inter-MALPENSA24