La droga in tasca e una balestra nello zaino. Scattano le denunce

gallarate albanese espulso

BUSTO ARSIZIO – Possessori di droga in trasferta, passanti armati di balestra e ubriachi minacciosi alla guida di motociclette. Numerosi gli interventi effettuati negli ultimi giorni dalle volanti del commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio.

Un etto di fumo sequestrato

E’ di circa un etto di hashish il bilancio di due distinti sequestri operati dalle pattuglie di via Foscolo. La prima a cadere nella rete dei controlli di polizia è stata una trentaquattrenne di Omegna, fermata alla guida della sua autovettura in via XX Settembre nel pomeriggio di domenica e trovata in possesso di circa 50 grammi di hashish e di una dose di cocaina. Analogo il caso di un cinquantacinquenne di Varese Ligure, fermato il giorno dopo dalle parti di Castellanza con 50 grammi di fumo in auto. Per entrambi, considerato i quantitativi non modici di sostanza stupefacente, è scattata la denuncia per detenzione ai fini dello spaccio.

Una balestra nello zaino

Ieri sera, poco prima delle 19, la volante ha incrociato due giovani appiedati che da via Venezia, avendo a loro volta notato l’auto di servizio, si sono divisi disperdendosi tra le auto parcheggiate nei pressi della stazione FS. I poliziotti sono comunque riusciti a fermare entrambi scoprendo che uno dei due, un ventiduenne di Verbania, nascondeva nello zaino una balestra con tanto di dardi. Il giovane è stato denunciato per il possesso dell’arma.

Minacce di morte

Piuttosto concitato, infine, l’intervento di martedì 28. Erano circa le due di notte quando quattro giovani hanno richiesto l’intervento delle forze dell’ordine in quanto – così hanno spiegato alla centrale operativa del Commissariato – l’autovettura sulla quale viaggiavano era inseguita da un motociclista che a più riprese si avvicinava, prendeva a calci l’auto e li minacciava di morte accusandoli di avergli rubato il portafoglio. La volante ha fermato e identificato i giovani, quattro ventenni su un’utilitaria, e l’inseguitore, un quarantunenne con precedenti residente in città in sella a una motocicletta. Quest’ultimo, in stato di forte agitazione ripeteva che i ragazzi gli avevano sottratto il portafoglio e che lui li avrebbe uccisi se non glielo avessero reso. Considerato che l’uomo non appariva del tutto in sé, gli agenti lo hanno sottoposto ad alcooltest verificando che il tasso etilico nel sangue era di circa cinque volte superiore al massimo consentito; inoltre, sottoponendolo a perquisizione, il portafoglio del quale lamentava il furto era in realtà nella tasca del suo giubbotto. Considerato infine che l’auto delle vittime presentava effettivamente i segni dei calci sferrati dall’ubriaco, il quarantunenne è stato denunciato per danneggiamento, minaccia aggravata e guida in stato di ebbrezza con il ritiro della patente e il fermo della motocicletta.

polizia busto arsizio – MALPENSA24