Svincolo A8/336 a Busto, Confindustria: «Finalmente si sblocca il collo di bottiglia»

La barriera allo svincolo A8/336 di Busto. Nel riquadro Roberto Grassi

BUSTO ARSIZIO – Con i lavori anticipati agli svincoli di Sant’Anna tra la A8 e la 336 «verranno risolti nodi cruciali che da tempo creavano dei colli di bottiglia con crescenti disagi per aziende e singoli automobilisti». Parole del presidente di Confindustria Varese Roberto Grassi, entusiasta dell’annuncio fatto dall’assessore all’urbanistica di Busto Arsizio Giorgio Mariani a proposito dell’avvio anticipato dei lavori per lo “sblocco” del nodo dell’uscita autostradale di Busto Arsizio, nel caos da quando è stata creata la barriera tra lo svincolo di Sant’Anna della 336 e l’ingresso all’A8 Varese-Milano.

Il prossimo step

«Una buona notizia – sintetizza il presidente bustocco Grassi – le richieste del sistema produttivo sono state ascoltate e il confronto con l’amministrazione di Busto Arsizio ha portato al risultato sperato». E nell’auspicare che «i lavori possano procedere nei tempi stabiliti», il numero uno di Confindustria Varese si prepara a sollevare un altro tema meritevole di confronto, la situazione del traffico sull’asse tra Busto Arsizio e Cassano Magnago, per la quale Grassi preannuncia «un tavolo di discussione specifico con le amministrazioni».

La nota del presidente di Confindustria Varese

L’annuncio dell’avvio dei lavori dello svincolo per permettere l’accesso dei camion dalla dogana alla superstrada 336 e per eliminare la barriera che oggi non permette di entrare in A8 direttamente dalla superstrada è una buona notizia per tutte le imprese di un’area strategica per lo sviluppo del trasporto intermodale e tra le più industrializzate del nostro territorio, oltre che una delle zone a più intensa densità manifatturiera del Paese. In questo modo verranno risolti nodi cruciali che da tempo creavano dei colli di bottiglia con crescenti disagi per aziende e singoli automobilisti. Le richieste del sistema produttivo sono state ascoltate e il confronto con l’Amministrazione Comunale di Busto Arsizio e, in particolar modo con l’assessore all’urbanistica Giorgio Mariani, ha portato al risultato sperato. E di ciò si avvantaggeranno non solo le imprese, ma tutti i cittadini dell’area e i molti pendolari. È giusto, dunque, riconoscere l’impegno e la velocità con cui si sono mosse le istituzioni con sensibilità e capacità di ascolto. Auspichiamo che i lavori possano procedere nei tempi stabiliti e che la loro realizzazione porti benefici allargati anche su un altro asse particolarmente delicato e trafficato, quello tra Busto Arsizio e Cassano Magnago, sulla cui situazione avvieremo presto un tavolo di discussione specifico con le amministrazioni interessate. Affrontare e risolvere queste questioni per noi vuol dire concretizzare l’obiettivo che ci siamo posti con il Piano Strategico #Varese2050 di fare del settore logistica e trasporti un driver di sviluppo per tutto il territorio. Ogni tessera del puzzle concorre a questo scopo da cui dipende la competitività della nostra provincia.

Svincoli di Sant’Anna, Anas segue Mariani: «Lavori anticipati. Partono a luglio 2024»

busto arsizio svincolo confindustria – MALPENSA24