Meno posti alla tavola di 4Exodus a Gallarate. La cooperativa apre a Milano

tavola 4exodus gallarate milano 01

GALLARATE – «È il ventunesimo pranzo che organizziamo ed è riuscito. Ci aspettavamo 200 persone ma in realtà ne erano presenti 182, insieme a 37 volontari». Così Roberto Sartori, responsabile di 4Exodus, ha commentato il tradizionale appuntamento di Natale che la cooperativa organizza a Gallarate a favore delle persone in difficoltà; da quasi quindici anni è l’oratorio di Madonna in Campagna, in via Bachelet, a ospitare l’iniziativa.

Un dato interessante per l’integrazione

«Abbiamo registrato un’assenza di richiedenti asilo, che si può leggere in due modi», ha osservato Sartori. «Innanzitutto non si trattava di una festa islamica: quelli presenti erano soprattutto cristiani evangelici. E, in secondo luogo, coloro che fanno riferimento alla nostra cooperativa sono ormai qui da due anni. Hanno quindi tessuto una rete sociale che offre loro delle opportunità, è un aspetto interessante per quanto riguarda l’integrazione. Sono venuti meno nei numeri, ci ha fatto anche piacere: è un dato positivo, sono persone che hanno trovato la loro strada». Il pranzo, organizzato da dipendenti e volontari della cooperativa, ha riunito diverse etnie, tra le quali soprattutto rumeni e rom; erano inoltre presenti alcolisti, clochard e persone momentaneamente senza un tetto.

Un nuovo avamposto in prima linea

«È un’iniziativa che deve andare avanti e radicarsi sempre di più. Ed è bello perché è un momento formativo per i volontari, che infatti sono sempre presenti in un numero che non scende al di sotto delle trenta unità. Abbiamo inoltre ricevuto la visita di monsignor Riccardo Festa e di Giuseppe De Bernardi Martignoni, consigliere comunale e provinciale ma soprattutto nostro aficionado».
Come ha rivelato Sartori, per il prossimo anno è in arrivo una grossa novità: «Ci occuperemo del servizio SOS Stazione Centrale a Milano, al sottopasso Mortirolo 6. Si tratta di un’accoglienza diurna a bassa soglia: il nostro epicentro è nel Varesotto, ma è una sfida che accettiamo ben volentieri. E forse spingerà qualche gallaratese che gravita su Milano a fare il volontario in un avamposto in prima linea rispetto al disagio».

pranzo 4exodus gallarate milano 02

tavola 4exodus gallarate milano – MALPENSA24