Le vecchie miniere di Besano riaprono per un giorno: visite e convegno il 15 giugno

BESANO – Sabato 15 giugno anche Besano celebrerà la “Giornata delle Miniere dismesse”, iniziativa promossa a livello nazionale con l’obiettivo di diffondere la conoscenza del vasto patrimonio storico-geologico riferibile alle antiche attività minerarie e di favorire lo sviluppo del turismo ad esse collegato. Nel centro della Valceresio sono in programma un convegno e visite alle vecchie miniere.

L’evento

L’iniziativa viene proposta da Remi, Ispra-Snpa, d’intesa con Mase, Aipai, Anim, Assorisorse, G&T e con il patrocinio di Consiglio Nazionale dei Geologi, EuroGeoSurveys, Sigea e Primavera della Mobilità dolce. Il Comune di Besano e l’Associazione Ad Metalla hanno accolto l’invito e organizzato per il 15 giugno una serie di iniziative finalizzate a far conoscere l’importante patrimonio geologico e minerario del territorio. Sarà un’occasione di conoscenza e divulgazione del patrimonio minerario locale che è celato ai più, residenti compresi, e che l’amministrazione comunale si è impegnata a promuovere da alcuni anni con un’opera di progettazione e di valorizzazione volta ad aprire al pubblico e ai turisti le vecchie miniere delle Piodelle.

Il contributo di Regione

«Giusto un mese fa, Regione Lombardia, nell’esaminare la nostra pratica di richiesta di valorizzazione turistica del sito, ci ha concesso 208mila euro di contributo per terminare i lavori di messa in sicurezza – osserva il sindaco di Besano Leslie Mulas – la nostra è l’unica miniera nella zona dei laghi che è interessata da un lavoro di valorizzazione turistica, e questo darà notevole impulso alla fruibilità della montagna grazie ad un maggiore afflusso di appassionati e visitatori, che speriamo dia beneficio anche all’economia di Besano». Le miniere saranno visitabili nel 2025.

Un unicum

«La Miniera delle Piodelle rappresenta l’unica testimonianza di coltivazione di scisti bitumonosi in Lombardia – aggiunge il geologo Gianbattista Fidanza, progettista degli interventi di valorizzazione – oltre ad avere una grande importanza scientifica perché in questo sito sono stati ritrovati, a partire dagli inizi del 1800, i primi fossili triassici del Monte San Giorgio facenti parte dal 2003 della lista del patrimonio mondiale Unesco». Il presidente di Ad Metalla Gilberto Zaina ricorda invece che da 18 anni l’associazione opera al fine di promuovere lo studio della storia mineraria.

Convegno e visite

Il programma della giornata prevede due momenti. La mattina, presso la palestra comunale, con inizio alle ore 9.30, dopo i saluti istituzionali delle autorità locali e regionali verranno illustrati i progetti di valorizzazione delle miniere, grazie al contributo dei progettisti e degli esperti locali. Nel pomeriggio la visita direttamente in sito, alle vecchie miniere di Besano, nell’unica parte per ora accessibile al pubblico, in collaborazione con il Gruppo Speleologico Prealpino, Controvento Trekking, le Guide del Monte San Giorgio e Naturalis Insubria. Per tutta la giornata inoltre sarà aperto il Museo dei Fossili, con orario continuato. Per partecipare alla giornata è necessario registrarsi a questo link entro il 12 giugno.

vecchie miniere besano riaprono – MALPENSA24