ALEX VIOLA: “Che goduria, giù le mani da Chiesa: non è un cascatore”

alexviola

Alessandro Zucconi

Il caso Var che crea il precedente, la partita Spal- Fiorentina verrà ricordata a lungo. Partita ribaltata dal 2 a 1 per la Spal al 2 a 1 per la Fiorentina tutto vissuto in 6 minuti. Da tifoso viola non nego l’estrema goduria vissuta, ma la dinamica lascia quantomeno tutti perplessi. Ecco la mia lettura sull’accaduto, si conviene che il rigore su Chiesa è regolare, la partita riprende da quel momento andando ad annullare tutto ciò che è successo dal 72′(Chiesa cade in area della Spal ma non viene concesso calcio di rigore alla Fiorentina dal direttore di gara) al 73′(Valoti segna il 2-1 per la Spal sul contropiede della stessa azione). Ammetto che non siamo abituati a questi tipi di dinamiche nel corso delle partite, ma ritengo siano legittime. Non giustificano però le oscene e offensive dichiarazioni del presidente Mattioli a fine partita su Chiesa. Dichiarazioni che spero segui una netta risposta, da parte della famiglia Chiesa al presidente della Spal. Al giocatore non può e non deve essere attaccata l’icona del cascatore, se gli arbitri ritengano che simuli hanno gli strumenti per sanzionarlo, ma non deve essere penalizzato a priori per la sua bravura. Chiesa quando parte in velocità, strappa ed in pochi riescono ad oggi contenerlo, chi nega questo è in mala fede. Passiamo alla partita, ancora tanti errori ingenui commessi dai ragazzi viola, ma che ci mettano sempre il cuore gli va riconosciuto. L’assenza del capitano Pezzella si è fatta sentire ed anche il portiere oggi ci ha messo del suo. Grande Edimilson, prova importante condita da un altro importante gol. Là gli applausi vanno anche a Simeone, la panchina al ragazzo fa bene, non è la prima volta che entra a partita in corso e si rivela decisivo più che da titolare. Continuiamo così ora testa all’Inter. Forza viola sempre.

Alex viola Fiorentina Malpensa24