Asilo privato Porraneo, «il Comune di Cardano ci ha dimezzato il contributo»

asilo porraneo cardano

CARDANO AL CAMPO – «I tagli posti in essere dall’attuale amministrazione comunale hanno portato a un costante e pericoloso debito della nostra scuola, che nonostante ciò continua a offrire un servizio di qualità all’avanguardia con i più alti standard scolastici della zona». A dirlo è Aldo Bosello, presidente della scuola materna paritaria Porraneo, una presenza a Cardano al Campo da oltre 120 anni che sopperisce all’insufficienza cronica di offerta pubblica. Nel 2013, nell’ultimo Piano Diritto allo studio firmato dall’allora sindaco Laura Prati, il contributo comunale garantito all’asilo era di 141mila euro. Dopo cinque anni si è ridotto a 80mila euro, più 4 o 5mila direttamente alle famiglie come sostegno alla retta. Ecco perché, proprio in questi giorni in cui Cardano commemora la sindaca uccisa cinque anni fa in municipio, Bosello fa un paragone tra l’operato di Prati e chi, dopo la sua morte, ha vinto le elezioni promettendo che avrebbe onorato il suo testamento politico.

Il sostegno alla Porraneo con Prati

Prati, che era donna di sinistra e dunque fervente sostenitrice della scuola pubblica, non ha mai fatto mancare il sostegno del Comune alla Porraneo, né nei dieci anni da assessore all’Istruzione né nei due in fascia tricolore. Sapeva, infatti, che senza la Porraneo e senza la costruzione di una nuova scuola materna in città, oltre cento bambini non avrebbero avuto un asilo da frequentare.  «Lei ha saputo essere anche e non solo un’espressione politica, lei ha saputo essere umana», la ricorda Bosello. «E’ stata senza dubbio protagonista della convenzione Asilo-Comune precedente a questa attuale amministrazione. Prati ha sempre detto che le scuole non si toccano, che non era sicura di poter aumentare il contributo, ma mai avrebbe tagliato i fondi alla Porraneo, una istituzione in cui lei aveva sempre creduto e concretamente sostenuto».

Il disimpegno del Comune con Pd e A Sinistra

Dopo la sua morte, tutto è cambiato. Nonostante i partiti in maggioranza siano sempre gli stessi (Pd e A Sinistra), l’atteggiamento dell’amministrazione comunale nei confronti della Porraneo è mutato radicalmente, tanto che il contributo si è quasi dimezzato. «L’attuale sindaco Angelo Bellora, in un articolo sulla Prealpina, dichiarò che al suo insediamento si rese conto di essersi seduto sopra un polveriera», ricorda Bosello. «C’da trasecolare. Ho sempre contestato le modalità con cui è stata raggiunto il mio forzato adeguamento all’attuale convenzione Comune-asilo e questo è anche documentato con una mia lettera al prefetto di Varese sulle difficoltà di comunicazione con il Comune. Ora, a distanza di cinque anni, comincia a insinuarsi il dubbio che tutta questa farraginosa trattativa sia stata necessaria a far trascorrere quattro anni. Nel frattempo il Comune ha più volte denunciato alla Sovrintendenza delle Belle Arti il nostro istituto per presunte e infondate irregolarità. Tutto appare confuso e oggi ci chiediamo: ma questa polveriera è pronta ad esplodere?».

asilo porraneo cardano – MALPENSA24