C’è posta per Babbo Natale: i suoi aiutanti raccolgono le letterine di Gorla

babbo natale gorla letterine 01

GORLA MAGGIOREQual è l’età di Babbo Natale e se è vera la sua pancia, qual è il suo vero nome, quanto è lunga la sua barba e se ha una sua sala videogiochi. Queste, e tante altre, sono state le domande rivolte dai bambini della scuola primaria “De Amicis”, accompagnati dalle insegnanti, ai suoi aiutanti che oggi, giovedì 19 dicembre, all’ufficio postale di Gorla Maggiore hanno raccolto le loro letterine con i desideri per i regali.

«Forza, tra poco sta per finire»

Insieme alle buste-renna da infilare nel sacco postale le classi hanno presentato due letterine collettive. «Non hanno voluto nulla di materiale», ha raccontato Milena Maggioni, volontaria di Babbo Natale che ha diretto le consegne. Sotto i riflettori la pace, e risolvere il problema della fame nel mondo; in particolare la quarta A ha richiesto, prendendo a esempio uno spruzzino, «per pacificare gli animi con un’annaffiata generale di calma, », e un sacchetto di «più tempo a disposizione» per fare le cose.
Al centro delle attenzioni della quarta B, preoccupata per il periodo di stress che sta affrontando, è stato invece il destinatario stesso delle missive, al quale è stato inviato un messaggio di incoraggiamento: «forza elfi e forza Babbo Natale, tra poco sta per finire».

babbo natale gorla letterine 03

La bellezza della scrittura

I bambini, che a loro volta non solo hanno ricevuto una lettera da Babbo Natale ma anche due cassettine salvadanaio per le raccolte benefiche, hanno quindi intonato insieme un canto natalizio. All’incontro, insieme a Marco Valsecchi e Ignazio Causarano, direttori rispettivamente della filiale di Busto e dell’ufficio di Gorla, nonché Roberto Diana e Susy Pozzato, dirigente scolastico e presidente del consiglio d’istituto, erano presenti il sindaco Pietro Zappamiglio e gli assessori Renato Grazioli, Annalisa Macchi e Anna Pagani, che hanno poi visitato il “De Amicis” per salutare gli altri alunni. La tradizionale iniziativa di Poste Italiane, che quest’anno ha avuto Gorla Maggiore come protagonista, è rivolta ai nativi digitali anche per ricordare la bellezza della scrittura. Scrivere una lettera con carta e penna aiuta a sviluppare e migliorare la creatività, la fantasia e l’efficacia espressiva: la capacità di esprimere idee ed emozioni scegliendo con cura le parole più adatte rappresenta una risorsa utile e preziosa anche nell’era del digitale.

babbo natale gorla letterine 02

babbo natale gorla letterine – MALPENSA24