Crisi di giunta a Busto: Tovaglieri non lascia, raddoppia. Se lo chiede la Lega

tovaglieri giovani padani

BUSTO ARSIZIO – Isabella Tovaglieri non lascia, raddoppia. Se glielo chiede la Lega, infatti, potrebbe anche restare a fare l’assessore all’Urbanistica. E se così fosse si risolverebbero di colpo tutta una serie di situazioni e questioni che in questi mesi hanno di fatto grippato il rimpasto di giunta. Ma potrebbero aprirsi anche altri problemi: tutti politici e in riferimento ai delicati equilibri raggiunti fino a ora e a grande fatica.

La bomba che potrebbe chiudere la crisi

La notizia è una bomba politica, che trova autorevole conferme nei piani alti della Lega. Anche se è tutta da esplorare. L’ipotesi che l’europarlamentare bustocca non si dimetta da Palazzo Gilardoni è ora nelle mani del sindaco Emanuele Antonelli e del segretario della Lega cittadina Francesco Speroni. I quali stanno valutando il da farsi, ma soprattutto l’impatto della questione sui delicati equilibri, che potrebbero di nuovo essere scompaginati. O tornare punto e capo. Nel caso restasse la Tovaglieri, infatti, non ci sarebbe più il problema delle quote rosa e a quel punto Alessandro Chiesa rimarrebbe al suo posto. Lasciando a bocca asciutta Laura Rogora, potenzialmente già indicata dal sindaco come assessore allo Sport.

Raccogliere i frutti

Che Isabella Tovaglieri mantenga quindi il doppio incarico a Busto e in Europa non sarebbe un caso unico nel panorama politico nazionale e perfino leghista. Tanto più i ruoli di europarlamentare e assessore non sono incompatibili. Occorre anche dire che Tovaglieri, in questo primi anni di mandato ha condotto in porto una mola di lavoro importante. Tanto che, qualora rimanesse, potrebbe anche raccogliere i frutti seminati: ad esempio l’avvio del recupero del piano delle Nord, progetto sul quale il vicesindaco ha molto investito. Resterebbe forse la questione del doppio impegno, ma in quel caso basterebbe calibrare le agende: ovvero programmare consigli e giunte nei giorni in cui Isabella Tovaglieri non è impegnata a Strasburgo.

Solo se lo chiede la Lega

Non ultimo la conferma di Isabella Tovaglieri toglierebbe da ogni imbarazzo anche Alessandro Albani, che in caso contrario accetterebbe controvoglia la delega all’Urbanistica, che non è esattamente la sua materia. Ora la palla è tutta nelle mani del sindaco Antonelli e della Lega, poiché dovrebbe essere il partito a dare una forte indicazione in tal senso e togliere le castagne dal fuoco di una crisi che non dà segnali di soluzione. Da valutare poi anche le ripercussioni, interne e sugli alleati, di un simile sbocco.

busto tovaglieri lega crisi – MALPENSA24