Stranieri abusivi in centro a Somma, la giunta: «La Lega strumentalizza»

case occupate somma bellaria

SOMMA LOMBARDO – «È dovere di ogni consigliere, sia di minoranza che di maggioranza, segnalare a chi di competenza episodi di questo tipo. Ma non è utile strumentalizzarli per la campagna elettorale in corso». Sono le parole del sindaco uscente Stefano Bellaria, che ha deciso di rispondere alle dichiarazioni di Alberto Barcaro (Lega) sull’occupazione di alcune case in via Garibaldi, a Somma Lombardo, da parte di extracomunitari. Durante la conferenza stampa indetta ieri, 3 settembre, sotto il gazebo elettorale in area mercato, l’avversario di Bellaria alle Amministrative del 20 e 21 settembre ha infatti denunciato l’ennesimo insediamento illegale all’interno di uno dei tanti edifici abbandonati in città. Si tratterebbe, a quanto emerso finora, di immobili finiti all’asta giudiziaria.

È scontro tra le coalizioni

Le parole del primo cittadino lasciano intendere che Barcaro abbia comunque colto nel segno. Nel senso che se da Palazzo Viani Visconti non arrivano smentite significa che l’occupazione in via Garibaldi denunciata dai leghisti sia da annoverare tra i nuovi episodi sensibili sotto il profilo della sicurezza in città. Di fatto dall’inizio della campagna elettorale diventa uno dei primissimi scontri frontali tra le due coalizioni. Se infatti Bellaria si limita a dare una risposta istituzionale, ricordando peraltro che «la tutela della sicurezza è in capo alle forze dell’ordine, che ringraziamo ogni giorno per il lavoro importante che svolgono nella nostra città», diverso è l’atteggiamento dell’assessore ai Lavori Pubblici, Edoardo Piantanida Chiesa. «La mancanza di argomenti della Lega fa sì che finiscano per tirare sempre fuori la questione degli extracomunitari», dice il candidato di Somma al Centro, sollevando la polemica politica. E incalza, sottolineando che si tratta di un refrain. «Era già successo nella campagna elettorale di cinque anni fa, cavalcando un problema che oltretutto era stato praticamente generato da loro». Il riferimento va naturalmente all’ex Tessitura Buratti, trasformata nel 2014  in un centro di accoglienza per 95 asilanti. Lì dentro ci rimasero per due anni.

Barcaro (Lega): «Extracomunitari hanno occupato un cortile in centro a Somma»

case occupate somma bellaria – MALPENSA24