Arte e leggerezza dell’anima, a Castiglione il “Volo” di Sonia Cattagnoli e Sara Russo

castiglione arte cattagnoli russo 01

CASTIGLIONE OLONA – A Castiglione Olona “Volo” concluderà un trittico iniziato nel 2021 da Sonia Cattagnoli (“Ferite e guarigione – La via per ri-trovarmi” e “Fuori dalle reti”) in cui confluiscono opere di Sara Russo legate alle tematiche dell’aria e della leggerezza, anticipate nel 2017 da un’antologica intitolata “S’io fossi aria”. La mostra, che gode del patrocinio del Comune e si terrà nei locali dell’Ex Sala Consiliare di piazza Garibaldi, fa parte delle iniziative di Scarpe Rosse: dall’inaugurazione alle 16 di oggi, domenica 19 novembre, fino al 3 dicembre sarà aperta al pubblico gratuitamente (venerdì 24 novembre dalle 19 alle 21, al sabato dalle 15 alle 19, alla domenica dalle 10 alle 19, in altri giorni e orari su appuntamento: Mariafrancesca 349/2460974, Sara 347/0794013).

La Vittoria di “Il cielo sopra Berlino”

Il “Volo” che nasce dall’incontro delle due artiste è un volo liberatorio, forte delle ricerche condotte da entrambe nei percorsi individuali: qui si uniscono per dare corpo a una visione unitaria e nuova attraverso opere molto significative e cariche del proprio personale vissuto, capaci quindi di mantenere un’identità ben connotata.
Da un punto di vista poetico c’è, per entrambe, un desiderio di “leggerezza dell’anima” assimilabile alla personificazione della Vittoria della mitologia greca che si ritrova come immobile protagonista nel film di Wim Wenders “Il cielo sopra Berlino”: qui gli angeli si siedono sulla Siegessäule e ascoltano i pensieri dei berlinesi in un turbinio di voci, sogni infranti, dolore. Dice l’angelo Damiel: “Mi cresceranno ali completamente diverse da quelle solite, ali che finalmente mi stupiranno”. Un film che è una favola come inno alla vita: così è in queste opere, nella loro ricerca di profonda di riappropriazione del corpo; una sublimazione del pensiero quotidiano, di liberazione dalle angosce, dalle grevità terrene, dalle necessità primarie, in cerca di un’elevazione spirituale e morale. Tecnicamente ci si trova davanti a due strade che dialogano attraverso il colore, scegliendo supporti materici opposti ma rendendo visibile uno stato di necessità e affrancamento: un volo che è bisogno di liberazione.

Le artiste

Sonia Cattagnoli, stilista e creativa, è nata a Varese nel 1975. Nel 2004 ha fondato l’associazione Attacchiamo Bottone? attraverso cui promuove cultura e tecnica sartoriale nel mondo della moda e dell’arte. Il suo percorso pittorico si è incentrato sull’uso dell’acquerello, prima sotto la guida di Donatella Colombo e poi con Donald Hall, raggiungendo la trasparenza e la purezza del colore steineriano; con Alberto Ponti ha quindi affinato la sua crescita artistica e personale. La scoperta della ceramica grazie a Sara Russo le ha permesso di introdurre la terza dimensione, sempre legata all’uso del colore, creando opere che coinvolgono lo spettatore invitandolo a lasciarsi affascinare e vivere un mondo di pure emozioni.

Sara Russo, artista e arteterapeuta, è nata il 14 novembre 1980. Ha conseguito la laurea in Pittura, il perfezionamento e la laurea in Terapeutica artistica all’Accademia di Belle Arti di Brera. Dal 2008 gestisce insieme alla madre, Mariafrancesca Rognoni, il laboratorio d’arte “La tana delle costruzioni”. Alla ceramica affianca il lavoro e la sensibilità di arteterapeuta. La sua ricerca in campo artistico si sviluppa principalmente in un percorso sull’autoritratto che, dal 2005, parte dalla riproduzione di calchi del suo corpo che vivono attraverso la ceramica e con materiali che su di essa imprimono un segno. Si sono delineati, già in questa prima fase di ricerca, i tratti che caratterizzeranno tutta la sua produzione, ispirata a elementi primari e naturali che danno forma a un umano allo stesso tempo mutevole e decadente, spesso “riassorbito” dalla natura.

Venerdì primo dicembre le artiste saranno ospiti alle 18.30 di “Storie dell’Arte: femminile contemporaneo”, incontro a cura di Francesca Caraffini al Caffè Lucioni.

castiglione arte cattagnoli russo – MALPENSA24