Dalla giunta di Legnano più di 600 “contro osservazioni” al Pgt. Al via l’esame

legnano pgt fedeli radice

LEGNANO – Comincerà questo pomeriggio, mercoledì 15 maggio, l’esame ad opera della commissione consiliare di Legnano “Città futura” della proposta di controdeduzioni alle osservazioni al Pgt; seguiranno le sedute di consiglio comunale per discutere e votare l’approvazione definitiva del documento. Sono 190 le osservazioni protocollate che hanno portato a 606 proposte di controdeduzioni, cui si sommano i pareri di Regione, Città Metropolitana, Asst, Arpa e Soprintendenza. Il termine ultimo di presentazione delle osservazioni era previsto per il 4 marzo, ma l’amministrazione comunale ha deciso di tenere in considerazione e controdedurre anche le osservazioni arrivate oltre il termine, dando così la possibilità a tutti di apportare richieste di modifica, suggerimenti o chiarimenti al piano adottato.

Fedeli: «Auspicabile la massima partecipazione»

«Il Pgt è chiamato a disegnare la Legnano degli anni a venire – sottolinea l’assessore Lorena Fedeli (nella foto in alto con il sindaco Lorenzo Radice), fresca del voto contrario del consiglio comunale alla mozione di sfiducia nei suoi confronti presentata da alcuni consiglieri di minoranza – è un documento per cui è auspicabile la massima partecipazione al procedimento di variante, che abbiamo voluto favorire ammettendo all’esame e sottoponendo al pronunciamento del consiglio comunale tutte le osservazioni pervenute agli uffici, anche quelle arrivate oltre il termine fissato. Importanti sono i pareri degli Enti sovraordinati, che si sono espressi in termini positivi rispetto alla conformità del piano. 

«Da rimarcare, fra gli altri, il parere positivo espresso da Città Metropolitana di Milano, che ha dichiarato la compatibilità del Pgt rispetto al Piano territoriale metropolitano in tema di riduzione del consumo di suolo, miglioramento del bilancio ecologico, implementazione della rete ecologica, oltre al recepimento delle direttive in tema di riduzione dei consumi idrici e la mitigazione dell’effetto isola di calore. La rigenerazione della città costruita, delle aree dismesse o incongrue rispetto ai contesti è una logica che traduce nel piano una sensibilità che Regione chiede di implementare e che il Pgt ha integrato».

Maratona di tre giorni in commissione

La giunta ha fornito ai tecnici con una delibera di indirizzo i criteri fissati per le controdeduzioni, a garanzia della massima trasparenza e nel rispetto delle logiche dell’anticorruzione. Si tratta del non accoglimento delle osservazioni in contrasto con il principio di contenimento del consumo del suolo e del bilancio ecologico del suolo, di quelle in contrasto con i dettami della pianificazione sovracomunale, con la normativa sovraordinata e con gli studi di settore in tema di invarianza idraulica, con i criteri generali del Piano delle Regole, con gli obiettivi di incentivazione e di rigenerazione urbana diffusa, ma anche le proposte di inserire nuovi ambiti di trasformazione o piani attuativi su suolo agricolo o naturale e su suolo urbanizzato.

Le 606 osservazioni sono state suddivise in tre macro gruppi, ognuno dei quali corrisponde a una seduta della commissione: oggi saranno all’ordine del giorno 173 richieste, 204 nella seconda di domani e 229 nella terza di venerdì 17.

legnano pgt fedeli commissione – MALPENSA24