«Delle Orlandi rimarrà solo lo scheletro». Parte il cantiere alle medie di Cassano

cassano magnago scuole orlandi

CASSANO MAGNAGO – «Siamo alle porte del più grande investimento sulle scuole che la nostra città abbia mai avuto: bisognerà gestirlo con grande attenzione». Con queste parole il sindaco di Cassano Magnago, Nicola Poliseno, annuncia l’avvio imminente dei lavori alle Ismaele Orlandi. Con quasi due anni di ritardo sul cronoprogramma iniziale, «l’11 febbraio verrà consegnato il cantiere, ma nel frattempo sono già partite le operazioni di sgombero». Si tratta di un maxi-investimento da 1,9 milioni di euro, di cui l’80% finanziato dallo Stato.

Rimarrà lo scheletro

La scuola media Ismaele Orlandi è l’ultima in città con ancora all’interno una notevole presenza di amianto. Per anni il dilemma è stato: abbatterla per costruirne una nuova o ristrutturarla, sebbene dell’esistente si possa salvare lo scheletro, il tetto e ben poco altro? Il centrodestra ha scelto la seconda opzione. E dopo il contributo da 547mila euro su un intervento complessivo da 811mila euro ottenuto nel 2016 con il bando “Scuole sicure”, ora si può procedere con la seconda fase. Per togliere l’amianto presente sulle pareti e nella pavimentazione l’edificio verrà completamente sventrato e poi ricostruito in base ai moderni parametri acustici, sismici ed energetici. Il progetto prevede il muro con facciata ventilata, serramenti all’avanguardia, nuovi bagni, l’ascensore, il miglioramento sismico della cantina e la sistemazione del tetto con il rifacimento di tutti i canali e delle grondaie.

Una scuola nuova

«In pratica la rifacciamo nuova», sottolinea il sindaco. Il risultato finale sarà identico all’estetica del primo lotto, con gli infissi delle finestre colorate a dare un tocco di modernità alla struttura. I lavori dureranno almeno un anno, «nella speranza di non trovare intoppi». Le riunioni in questi giorni si stanno moltiplicando per organizzare il cantiere senza pregiudicare la continuità didattica. Verrà preclusa la zona che oggi comprende nove aule, che andranno spostate altrove. Alcune troveranno posto dove oggi ci sono i laboratori, mentre l’indirizzo musicale verrà temporaneamente trasferito alle Dante, a meno di un chilometro di distanza. «E’ un sacrificio che si può sopportare – sottolinea Poliseno – se l’obiettivo finale è avere per i nostri ragazzi aule completamente diverse per spazi, consumi energetici, gestione del calore e insonorizzazione. Sarà tutto più bello e sicuro».

Poliseno in cima alle Orlandi: «Vi mostro il nuovo tetto delle medie di Cassano»

cassano magnago scuole orlandi – MALPENSA24