Ferno, grazie alla finanziaria ancora meno tasse per tutte le famiglie

ferno gesualdi sindaco

FERNO – Buone notizie (ancora) sul fronte tasse per i cittadini di Ferno. Le deroghe della finanziaria in vigore dal 1 gennaio scorso infatti hanno consentito all’amministrazione comunale di ritoccare le aliquote della Tari rispetto a quanto approvato a fine anno, con un ulteriore ribasso per l’imposta sui rifiuti per tutte le tipologie di utenze.

Novità per tutte le famiglie

Della diminuzione della Tari godranno tutti gli oltre 2800 nuclei familiari di Ferno, da quelli composti da una sola persona a quelli fino e oltre a sei. Spiega il sindaco Filippo Gesualdi che «ancora una volta il principio è quello legato alla proporzionalità, per cui più si produce e più si paga». Per le utenze domestiche si tratterà ad esempio di circa 18 euro in meno per nuclei monofamiliari in appartamenti fino a 50 metri quadri, 17 euro in meno fino a 100 metri quadri, 16 euro in meno per appartamenti da 150. Il dettaglio per tutte le tipologie di famiglia sarà esposto nel corso del consiglio comunale del prossimo venerdì 15 febbraio quando si riapproveranno appunto le aliquote della Tari. Già alla presentazione del bilancio di previsione, lo scorso 27 dicembre, proprio rispetto all’imposta sui rifiuti che già era scesa per alcune categorie, l’assessore al Bilancio Daniela Vendramin aveva preannunciato che le deroghe della finanziaria avrebbe potuto portare a ulteriori diminuzioni.

Risparmio per ristoranti e pizzerie

Buone notizie anche riguardo le utenze non domestiche, punto che sempre in approvazione di bilancio aveva incontrato critiche da parte delle minoranze per aumenti della Tari per alcune categorie. Spiega sempre il sindaco che per gli esercizi commerciali ci sarà un risparmio di almeno il 5 per cento che può arrivare fino al 13 per cento per ristoranti e pizzerie: «Un modo per avvantaggiare quelle attività che più hanno risentito della crisi».
Nel complesso, si tratta di un risparmio possibile anche grazie all’inserimento del sacco tracciabile nella differenziata, che solo nei primi mesi del 2018 ha portato al risparmio di 25mila euro, sfruttati poi per alleggerire le imposte per le utenze: «Sono i dati dei primi 8 mesi: se si continua così si potrebbe risparmiare ancora. Per questo l’invito è che i cittadini continuino su questa strada virtuosa».

LEGGI ANCHE:

ferno tari tasse – MALPENSA24