FRANK LUPETTO: “Roma, progetto fallimentare. Pallotta ci ha preso in giro”

Frank Lupetto Roma

Francesco Ravello 

La Roma torna da Firenze con un punto accettabile, ma come può essere visto questo risultato? Alcuni dati fanno riflettere, ma allora bisognerebbe essere ottimisti e da tifosi sperare in un futuro miglioramento, oppure pessimisti perché continua a mancare il risultato pieno? Andiamo nei dettagli e vediamo le due facce della medaglia. L’aspetto positivo è che nelle ultime 6 partite la Roma ha ottenuto 11 punti, frutto di tre vittorie, due pareggi e una sconfitta, da notare che la squadra nelle prime 5 partite aveva fatto 5 punti. Si produce molto in avanti: la Roma sembra più quadrata e i giocatori cominciano ad avere una coesione di gruppo. Zaniolo, per essere la sua prima partita di campionato, non ha sfigurato, ma si spera che possa fare meglio. Rispetto agli aspetti negativi la Roma regge un tempo, fa un buon primo tempo per poi crollare miseramente nel secondo. Si sbaglia troppo in avanti: grida vendetta il gol mangiato nel primo tempo da Dzeko a porta vuota, quando poi si sono visti gol più difficili fatti da lui in Champions.

Dzeko Mangiagol

Probabilmente che alla Roma servi un attaccante che abbia la voglia di spaccare la porta? Perché a oggi nessuno dei giocatori della Roma ha questa cattiveria? Poi c’è la questione arbitrale: questa Roma esce da Firenze defraudata da un rigore che non c’è, non mi ricordo rigori per un calcio in faccia al portiere, sicuramente un caso che Banti non sia stato richiamato dal giudice di Var, che era Orsato, lo stesso di Inter-Roma, ormai famoso a tutti per la sua onestà intellettuale, come quella di una donna che beccata in flagrante dal marito con l’amante gli dice che si è confuso e che ha visto male. Esco da tifoso da questa partita con due sentimenti: un ottimismo dato dal risultato e una rabbia per denotare, cosa di cui non c’era bisogno, una continua mancanza di determinazione e rabbia da parte dei giocatori. Meglio di Napoli, ma ancora non basta.

Progetto sportivo fallimentare

Restiamo con un presidente che si fa comandare da un dirigente che sta a Londra (Baldini): oggi la squadra è nona; era difficile riuscire a fare così male dopo che l’anno scorso eravamo terzi e in Semifinale Champions.
Purtroppo questo progetto sportivo è completamente fallimentare e dopo 7 anni ci ritroviamo in questa situazione e le parole del presidente ” farò della Roma una regina” sa tanto di presa in giro.

Frank Lupetto Roma Malpensa24