Alla Juve la Supercoppa tra veleni e polemiche: decide Cr7 Re di Coppa

Incornata Juve record

Vittoria tra mille polemiche della Juventus in Supercoppa. Partita di una bruttura unica, a tratti noiosa, vinta grazie alla freddezza di un campione. Cr7 Re di Coppa ha consegnato il primo trofeo stagionale alla Juve. Le donne che hanno deciso di disertare la tribuna di Gedda per la nota questione discriminatoria non si sono perse nulla. Di sicuro non è stato un grande spot per il nostro calcio che si conferma scadente in quanto a qualità complessiva del gioco espresso. Noia e stop. A peggiorare la situazione ci ha pensato Banti con la sua pessima direzione di gara. Mancano due rigori. Uno discretamente netto nel primo tempo per la Juve, uno ancora più chiaro per il Milan nel finale. A che serva il Var è un mistero se Banti negli ultimi minuti decide di non avvalersene, facendo arrabbiare tutti, instillando i soliti dubbi di un calcio italiano poco trasparente. Perché non è andato a rivedere le immagini? Perché se c’è la tecnologia dalla parte degli arbitri, si tende a ignorarla? Alla fine la sconfitta è forse una punizione troppo dura per un Milan che ha fatto tutto quello che doveva fare contro un’ avversaria superiore. Nettamente, ma solo sulla carta perché poi sul campo tutto questo margine si è intravisto solo a piccoli sprazzi. Perché Gattuso ha lasciato in panca Higuain per poi farlo giocare solo venti minuti? Se non era disponibile non avrebbe dovuto giocare. Se lo ha gettato nella mischia allora forse tutto ciò che era successo prima era molto più diplomatico che realistico. Forse va al Chelsea e il Milan non ha saputo gestire la situazione come avrebbe dovuto fare una società di tale storia e blasone. Gattuso alla fine ha detto al gruppo che Higuain è fondamentale. Quando ha pensato a un salvatore della patria ha estratto l’argentino dalla panchina. Non doveva giocare, ma alla fine la decisione cerchiobottista del mister ha innescato l’impressione che la gestione del gruppo non fosse poi così lineare. Una grande confusione. È spuntato Ronaldo e la Supercoppa è volata a Torino, ma le polemiche dentro e fuori dal campo restano.

Juventus Milan Supercoppa Malpensa24