I Lions battono tutti: a Gallarate apre il parco inclusivo senza fondi regionali

Parco giochi inclusivo

GALLARATE – In via Bottini si respira non soltanto l’emozione di aver fatto qualcosa di bello e soprattutto di utile, ma anche l’orgoglio di essere arrivati prima e, forse, aver contribuito a innescare una rivoluzione culturale sul territorio. Sì, perché proprio in questi giorni decine di Comuni in Lombardia (in provincia Somma Lombardo, Varese e Lonate Pozzolo) stanno presentando i propri progetti nella speranza di ottenere i finanziamenti che la Regione ha messo a disposizione per la realizzazione di parchi inclusivi. Gallarate un parco inclusivo lo ha già, grazie alla generosità dei Lions che in sinergia con l’amministrazione comunale hanno voluto realizzare in via Bottini il primo parco interamente accessibile. Il taglio del nastro è avvenuto oggi, 9 settembre. E’un’area verde per tutti, dove i bambini disabili potranno giocare insieme agli altri senza sentirsi diversi.

Un investimento da 70mila euro

Lo sforzo economico complessivo per trasformare l’area verde di via Bottini in un parco accessibile ha superato i 70mila euro, garantiti dai tre club della città (Gallarate Host, Gallarate Insubria, Gallarate Seprio) e dai giovani del Leo che per il service del centenario sono riusciti a ottenere persino un contributo dagli Stati Uniti, direttamente dalla Lcif (Lions Clubs International Foundation). L’amministrazione comunale ha realizzato invece i lavori di scavo e di restyling complessivo del parco, per una spesa di circa 30mila euro. Lilli Pavan, past president del Lions Gallarate Seprio e ideatrice del progetto, ha voluto ringraziare pubblicamente il sindaco Andrea Cassani e la sua giunta: «Aver trovato in Comune amministratori disponibili al 110 per cento ha reso tutto più facile».

Non ci sono immagini in questa galleria.

Un parco per tutti

In via Bottini sono stati installati dei giochi innovativi, ideati da un’azienda del Nord Europa, che permettono ai bambini disabili di giocare insieme agli altri senza sentirsi diversi. Ci sono castelli accessibili anche in carrozzina, altalene e scivoli pensati proprio per tutti. «Con questo parco garantiamo a ciascun bambino il diritto al divertimento», ha sottolineato il presidente dei Leo di Gallarate, Luca Colombo, durante i discorsi inaugurali. Sono intervenuti anche Massimo Palazzi (Gallarate Host), Patrizia Giani (Gallarate Insubria) e Donatella Sonvico (Gallarate Seprio), nonché il governatore Lions Giancarlo Balzaretti. «Tutti insieme – ha detto – possiamo fare qualcosa di grande».

lions parco inclusivo – MALPENSA24