Mensa dei poveri tra complicazioni, verità e attese

mensa poveri patteggiamenti gip

E’ difficile per chi, come noi, cioè la stragrande maggioranza dei cittadini, non ha sostegni giuridici comprendere come mai un giudice abbia vanificato gli accordi tra la procura e gli indagati nell’inchiesta Mensa dei poveri ammessi al patteggiamento. Dopo la decisione del gip di Milano, che ha rigettato gli undici patteggiamenti in discussione, cioè tutti, si rimane perlomeno sorpresi e desiderosi di un chiarimento che, al di là degli aspetti tecnici, aiuti a capire quali siano i termini di un’indagine che ha generato sconcerto e rabbia nell’opinione pubblica. E che, oggi, con le determinazioni uguali per tutti i politici e i funzionari pubblici coinvolti, finisce per disorientare. Tutti sullo stesso piano nelle considerazioni del gip rispetto a quanto certificato dai pm?

Proviamo a riassumere. La procura milanese ha preso atto delle dichiarazioni e, quindi, delle confessioni di un certo numero di persone indagate, undici per la precisione. Quasi tutte gallaratesi o orbitanti attorno al Mullah Nino Caianiello, pronte a riferire, raccontare, ammettere. Una collaborazione che è valsa loro la possibilità di chiudere la vicenda giudiziaria appunto con il patteggiamento. Cioè, un accordo con i pm che, previa consistente riduzione della pena, evitasse il processo. E morta lì.

Invece, sorpresa: il gip Maria Vicedomini ha deciso diversamente, rigettando le richieste di applicazione della sanzione. Perché? Motivazioni contenute nelle venti pagine della relativa ordinanza, ma comunque spiazzanti rispetto a una procedura che pareva avere imboccato una strada precisa, a favore delle risultanze di un’indagine condotta con estremo rigore da procura ordinaria e Dda. Tutto da rifare, insomma. Non è esattamente così, anche se il no collettivo ai patteggiamenti apre la porta a una serie di interpretazioni e dubbi, che non fanno altro che confondere le acque. E complicare il cammino ancora da concludere di un’inchiesta che, così come si poteva immaginare sinora, era tutt’altro che complicata a fronte di un sistema, vero o presunto che sia, di maneggi e illegalità su diversi versanti amministrativi e politici. A meno che sfugga qualcosa che il gip ritiene invece determinante; ad esempio l’accertamento di ulteriori reati da riferiti agli undici in questione, frutto di dichiarazioni successive alle loro rese ai pm. O, ancora, l’inadeguatezza delle pene concordate rispetto a quanto viene contestato.

Detto ciò, il risultato immediato è che d’ora in poi nessun indagato troverà comodo collaborare, cercando in questo modo di arrivare a un accordo con la procura sulla condanna da scontare. Perché mai dovrebbe ammettere o fare confidenze senza garanzie precise sull’accoglimento delle richieste di applicazione della relativa pena? E che cosa accadrà in un eventuale dibattimento con un numero enorme di imputati che a quel punto, proprio perché imputati, avranno facoltà di non rispondere alle domande di giudici, pm e avvocati? Scenario per nulla rassicurante e foriero di nuovi grattacapi che finiranno per deporre sfavorevolmente all’accertamento della verità. Della quale, dopo quanto si è sentito e visto a ogni livello, c’è assoluto e irrinunciabile bisogno.

mensa poveri patteggiamenti gip – MALPENSA24