Olgiate, Villa Gonzaga stanzia 190 mila euro per il recupero del mulino Bianchi

olgiate mulino bianchi

OLGIATE OLONA – L’acqua continua a passare e la ruota del Mulino Bianchi, se non a macinare, tornerà però a girare. Per recuperare la storia e la memoria del fondovalle e di un paese che, prima dell’avvento dell’industrie, comunque deve molto all’agricoltura e ai campi. Oggi sempre meno coltivati e sempre più edificati.

Nel mega pacchetto delle opere da realizzare con i 6 milioni di euro ora spendibili grazie allo sblocco del patto di stabilità, c’è anche il recupero di un pezzo importante della storia di Olgiate: il mulino Bianchi. Sono 190 mila gli euro previsti per la pulizia dell’area, il recupero e la valorizzazione della ruota e del meccanismo di macina.

Oggi c’è rimasto ben poco di quello che un tempo era un fulcro della vita agricola. E quel poco non si vede quasi più. Blindato da lamiere protettive per tenere in sicurezza un’area decadente e invaso da rovi e natura selvaggia che in questi anni hanno divorato l’edificio. La vecchia pala del mulino, infatti, vive nel ricordo di chi oggi ha almeno quarant’anni.

olgiate mulino bianchi

Ma ora l’amministrazione, con un po’ di quattrini a disposizione, ha ipotizzato il suo recupero. Non di tutto l’edificio, poiché una parte è ancora di proprietà privata. Ma per lo meno da villa Gonzaga giunge un segnale di rinascita e di attenzione per una parte di paese, la valle, troppo spesso dimenticata.

Recuperare il mulino, infatti, vorrebbe dire dare un senso maggiore anche alla ciclopedonale che costeggia il fiume Olona, un percorso che cuce l’intera Valle da Castellanza fino a Castiglione Olona e che nel percorrerla tutta racconta la storia antica, più recente e presente di un’asta di territorio che ha dato ai paesi che attraversa agio e ricchezza.

Non solo. Significa anche dare concretezza ai segnali di recupero che le gente di Olgiate, ma anche dei paesi vicini, lancia con la loro presenza a ogni edizione dell’evento Girinvalle. Insomma la Valle Olona non può continuare a vivere a spot.

Certo tra il dire e il fare c’è di mezzo sempre il mare. Che in questo caso è cosa far diventare quella struttura oggi diroccata. E su questo la partita è ancora tutta da giocare. Ma il fatto che l’amministrazione del sindaco Montano abbia inserito il recupero del mulino tra le opere da realizzare resta comunque un segnale positivo.

 

olgiate mulino bianchi – MALPENSA24