Partenze e arrivi tra le note a Malpensa con la Milano Music Week

concerti milano malpensa

MALPENSA – Un viaggio nel mondo della musica, nel luogo che più di ogni altro è simbolo ed essenza stessa del viaggio: l’aeroporto. E così non poteva non fare tappa anche a Malpensa la Milano Music Week, il racconto che la città di Milano, luogo dove più si produce musica in Italia, fa della sua creazione e diffusione. Quattro gli appuntamenti previsti allo scalo della brughiera, palcoscenico d’eccezione per artisti diversi, speciali compagni di viaggio di chi è in arrivo o sta partendo dall’aeroporto milanese.

Dall’Italia al mondo

La speciale location che accoglie da ieri 21 novembre gli artisti della Milano Music Week a Malpensa è quel luogo magico che è la Porta di Milano, la soglia fra l’aeroporto e il mondo che viene varcata ogni giorno dai passeggeri. Ombre, luci e nebbia fanno così da sfondo alla musica, preludio ad un viaggio che si è appena concluso o che sta per iniziare.
A differenza dello scorso anno, per l’edizione 2018 della Milano Music Week si è scelto di seguire un filo conduttore pur cambiando ogni giorno gli artisti e il genere musicale proposto. Ieri, ad esibirsi nella Soglia Magica è stato il duo composto da Elio Marchesini e Lorenzo Palmieri, esecutori di musica elettronica e sperimentale. Oggi , in due momenti distinti al mattino e al pomeriggio è toccato al duo gazdag e Bertolin per flauto e chitarra classica: intento dei due artisti è stato quello di proporre un viaggio musicale nel mondo partendo dall’Italia, con omaggi a Battisti e Rossini, per aprirsi poi alla musica del mondo, «attraversando epoche e generi, senza confini – spiegano – per accompagnare i viaggiatori nel loro volo. Un’esibizione molto particolare, essendo la prima volta che suoniamo in aeroporto».

Lo stupore dei passeggeri

Ed effettivamente tanto è lo stupore dei passeggeri che, spesso distratti, ancora più spesso di corsa, scoprono la presenza dei musicisti nello scalo. Molti di loro si fermano, incuriositi. Ma ancora di più è lo stupore degli stessi musicisti, che sperimentano un palcoscenico diverso e sfidano loro stessi nel catturare, anche se solo per un attimo, l’attenzione di chi è solo di passaggio.
La musica a Malpensa prosegue anche domani 23 novembre con Francesco Garolfi, che torna per il secondo anno allo scalo portando il suo progetto “Wild”, un racconto della natura per musica e immagini attraverso note blues e new age; sempre due gli appuntamenti, alle 10.30 e alle 14.30. Si chiude sabato 24 con Manuela Pellegatta, interprete che presenterà suoi inediti insieme ad alcune cover.

 

concerti milano malpensa – MALPENSA24