Politica degradata, giunte debilitate

politica giunte busto gallarate

Nel centrodestra del Varesotto c’è sconcerto. Ovvio, all’indomani del repulisti che la magistratura ha operato in un certo settore della politica, inquinato dall’illegalità. Vero o presunto che sia, il sistema portato alla luce dalla procura di Milano non può che lasciare sconcertati. E generare smarrimento nelle truppe e non solo. Al punto che a cinque giorni dalla raffica di arresti e coinvolgimenti giudiziari per il reato di concussione, i vertici di Forza Italia, il partito al centro dell’inchiesta, non hanno ancora proferito parola. Lasciando nel loro smarrimento le truppe. E con le truppe gli amministratori pubblici che fanno riferimento ai berlusconiani, i loro alleati e tutti coloro che si erano affidati e ancora si affidano a Forza Italia.

Un silenzio che denota appunto lo sbigottimento per una vicenda peraltro annunciata dai comportamenti in essere di alcuni dei suoi protagonisti, dinamiche note a molti, tenute sottotraccia (faceva comodo così) al punto da abbozzare oggi di fronte a quanto emerso dalle indagini. Nessuno venga a dire che non si sapeva, non lo dicano soprattutto coloro i quali avevano frequentazioni istituzionali o politiche con i gestori del consorzio che faceva capo a Nino Caianiello, a partire da sindaci e assessori. Non potremmo credere alle loro giustificazioni, così come non riusciamo a credere alla loro sorpresa per quanto accaduto. E per quanto ancora dovrà accadere sia sul piano giudiziario sia su quello politico.

Ai magistrati il compito di completare le indagini, al di là delle possibili considerazioni forcaiole o garantiste soffermiamoci invece sulle conseguenze politiche. Lunedì 13, la coordinatrice regionale forzista, Mariastella Gelmini, riunirà parlamentari, consiglieri regionali e amministratori lombardi a Milano. Sarà il momento di tirare le somme per lo tsunami abbattutosi sul partito proprio alla vigilia delle elezioni. E sarà anche il momento per tracciare le contromosse e ridefinire i nuovi referenti locali, che risulteranno pur sempre tardivi.

Nel frattempo, la Lega ha messo i puntini sulle i, dettando le proprie condizioni agli alleati di centrodestra. Certo, la coalizione non si discute, ma è una scelta d’opportunità per affrontare le urne tra due settimane. Dopo di che, liberi tutti. O quasi. Le amministrazioni di Busto Arsizio e Gallarate, benché soggette a possibili rivisitazioni negli organigrammi delle giunte e delle partecipate, per il momento rimangono in piedi. Ma in modo precario a causa di una Forza Italia che ha perso consistenza e, manco a dirlo, autorevolezza. Se alle europee perderà anche voti avrà facile gioco la potente componente del Carroccio che spinge per rompere subito l’intesa. In bilico c’è soprattutto l’esecutivo di Andrea Cassani a Gallarate, il più esposto ai rigori dell’inchiesta milanese.

Ma se Gallarate piange, Busto Arsizio non ride. A Emanuele Antonelli, primo cittadino a Palazzo Gilardoni, la Lega riconferma fiducia. Se però vien giù Gallarate, l’effetto domino potrebbe rivelarsi inevitabile. E con Gallarate e Busto, pagherebbe pegno la Provincia. Supposizioni, certo. Lo scenario è però tutt’altro che rasserenante. Pleonastico illustrarne i motivi alla luce di quanto tutti sanno oramai, a cominciare dal tessuto politico che rivela il degrado etico che l’ha guastato. E che per essere recuperato abbisogna di una scatto di generale responsabilità morale, al momento irrintracciabile.

politica giunte busto gallarate – MALPENSA24