Volandia e De Tomasi: sinergia vincente per dare lavoro ai più fragili

volandia detomasi lavoro persone fragili

SOMMA LOMBARDO – Una case history che racconta dell’incontro tra pubblico e privato che potrebbe, e dovrebbe, diventare un modello da “esportare” non solo in tutta la provincia di Varese ma a livello nazionale.

Esempio da replicare

Una sinergia, quella raccontata oggi, venerdì 30 aprile, che nell’ambito del progetto Sociale² ha coinvolto la cooperativa sociale Naturcoop, Volandia, l’officina De Tomasi e la Provincia di Varese. L’obbiettivo è quello di garantire un lavoro alle persone più fragili. Tutto parte dalla necessità di rispettare un obbligo di legge: assumere almeno una persona con disabilità all’interno di aziende con più di 15 dipendenti. Ma l’officina De Tomasi questa possibilità, per ragioni di sicurezza del lavoratore stesso, non l’aveva.

Soluzione innovativa

Che fare? Trovare una soluzione innovativa con l’aiuto della Provincia: dal 2020 l’officina, tramite Naturcoop, sponsorizza la manutenzione del verde a Volandia per un anno. Dando lavoro ad una persona con disabilità.

La ricaduta sul territorio

«L’interesse di un’azienda si è così trasformato in un interesse sociale – ha spiegato Mattia Premazzi, consigliere provinciale delegato alle Politiche del Lavoro – La ricaduta è su tutto il territorio. Obbiettivi così alti possono essere raggiunti soltanto quando pubblico, privato e terzo settore lavorano insieme». E se Nicola De Tomasi, titolare dell’omonima officina, con modestia ha espresso soddisfazione per «Aver dato a questa persona la possibilità di apprendere un mestiere che potrà così continuare a svolgere in futuro», Paolo Cova, direttore di Naturcoop ha sottolineato come sia necessario «Riaffermare, con progetti come questo, il ruolo e il valore delle cooperative sociali dopo la comparsa di realtà che di sociale, purtroppo, hanno ben poco».

Professionalità e competenza

Cova ha spiegato come soltanto il ragionare come una società profit «Puntando su competenze e professionalità possa garantire a una cooperativa sociale di rimanere in piedi. Il nostro ruolo è quello di ascoltare il territorio, creare nuove sinergie, coinvolgere realtà importanti che, come Volandia, sono un’eccellenza di richiamo. Questa è un iniziativa sociale al quadrato: dà lavoro a una persona fragile e porta benefici ad altre realtà». Luciano Azimonti, vicepresidente di Volandia, ha voluto sottolineare «Non solo la cura che Naturcoop mette nel lavoro, ma la grande preparazione di chi lo svolge. Tanta passione e conoscenza, mi ha emozionato».

Riapre Volandia. Reguzzoni: «Tante novità nonostante le restrizioni»

volandia detomasi lavoro persone fragili – MALPENSA24