Anche i centri sociali in piazza a Gallarate. Ma avevano il foglio di via per 3 anni

 Centri sociali gallarate

GALLARATE – Dopo il blitz compiuto in consiglio comunale a Gallarate lo scorso 19 dicembre, i militanti dei centri sociali che contestarono e minacciarono pesantemente il sindaco Andrea Cassani avevano ottenuto dalla questura il foglio di via. Per i prossimi tre anni non avrebbero più potuto rimettere piede a Gallarate. E invece soltanto un mese dopo hanno violato il provvedimento. Oggi pomeriggio, 25 gennaio, alcuni di loro erano presenti in piazza Libertà per la manifestazione a difesa dei Sinti.

Una nuova denuncia

Il loro atto di disobbedienza, immediatamente notato dalle numerose forze dell’ordine presenti in piazza, è stato denunciato al megafono da uno dei componenti. Si tratta in ogni caso di un reato. Per lui, e per tutti gli altri già identificati, scatterà dunque con ogni probabilità già nelle prossime ore il deferimento all’autorità giudiziaria.

Non abbassare la testa

«Oggi io e miei compagni abbiamo violato il foglio di via, un provvedimento che ci obbliga a non tornare a Gallarate per tre anni», ha detto un militante dei centri sociali al megafono. «Tutto ciò perché siamo andati in consiglio comunale a contestare l’operato del sindaco e della sua giunta. Speriamo che questo gesto possa essere un esempio per chiunque voglia continuare a ribellarsi e a non abbassare la testa».

 Centri sociali gallarate – MALPENSA24