Dopo i solleciti delle opposizioni, anche Rescaldina rinvia il pagamento delle tasse

rescaldina bilancio trasparente comune

RESCALDINA – Il Comune di Rescaldina ha deciso di venire incontro alle difficoltà dei cittadini in questa fase post emergenza sul piano fiscale. Con una delibera, è stato prorogato il termine di pagamento della prima rata della TARI (la tassa sui rifiuti) per il 2020, ora fissato per il giorno 31 luglio: i contribuenti riceveranno per posta l’avviso di pagamento e il relativo modello F24. Differito dall’Amministrazione comunale anche l’acconto IMU (l’imposta sugli immobili) sempre per l’anno in corso al prossimo 30 settembre, per coloro che hanno registrato difficoltà economiche a causa della pandemia da Covid-19: ad esempio, quanti dal 1° marzo al 31 maggio non hanno percepito reddito, hanno perso il lavoro o avevano un contratto di lavoro a tempo determinato con scadenza in quel periodo che non è stato rinnovato, e quanti sono rientrati nei criteri dei buoni spesa. Tutti i casi individuati e le modalità per accedere all’agevolazione sono indicate a questo link. Per informazioni, contattare l’ufficio tributi, tel. 0331 467821/51/18/81, e-mail tributi@comune.rescaldina.mi.it.

Lega: «Forse non si sono accorti dell’emergenza…»

Proprio ieri, martedì 9 giugno, alcune opposizioni avevano criticato l’Amministrazione per non aver preso ancora decisioni sul rinvio del pagamento dei tributi comunali a pochi giorni dalla scadenza, inizialmente fissata martedì prossimo, 16 giugno, della prima rata IMU. «Forse – aveva ironizzato il segretario locale della Lega, Ambrogio Casati – a Rescaldina non si sono accorti che la nostra comunità è stata colpita dal coronavirus. La giunta, come il governo centrale, non riesce a prendere decisioni quando si tratta di cose importanti e determinanti».

Matera: «Macché silenzio, ci lavoravamo da tempo. E con le minoranze»

«Altro che silenzio della giunta – ribatte l’assessore ai tributi, Francesco Matera – è dal 2 giugno che stavamo lavorando insieme ai gruppi consiliari di minoranza, di cui la Lega fa parte, per trovare in modo condiviso le modalità di differimento dell’acconto IMU per le realtà rescaldinesi che hanno subìto gli effetti della crisi legata all’emergenza sanitaria. Dopo un accordo di massima sulle modalità di differimento avvenuto con una chiamata interlocutoria con i rappresentanti di tutti i gruppi consiliari presenti nella commissione Affari generali, questa commissione si è riunita l’8 e il 9 giugno per licenziare un testo condiviso, non solo nei contenuti, ma anche nelle tempistiche e nel procedimento deliberativo. È un peccato – incalza Matera – che anche questa bella pagina di politica rescaldinese venga attaccata dall’atteggiamento di chi consapevolmente cerca, anche in questa occasione di costruttiva collaborazione, di giocare una partita esterna alla nostra comunità, che non riflette la realtà dei fatti».
rescaldina tasse imu tari lega – MALPENSA24