Narcotraffico albanese tra Busto e Milano: 13 condanne. Pene sino a 15 anni

Nella foto il pubblico ministero Ciro Caramore

BUSTO ARSIZIO – Sono 13 le condanne (un imputato assolto) nel processo per associazione a delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di stupefacenti tra Busto Arsizio e Milano che nel dicembre 2023 portò a 22 arresti. Al centro dell’inchiesta, coordinata dal pubblico ministero della Dda di Milano Stefano Amendola e dal pubblico ministero della procura di Busto Arsizio Ciro Caramore, un clan famigliare albanese.

Duplice omicidio a Canegrate

Le condanne ottenute vanno dai 4 anni e 6 mesi ai 15 anni. Tra i coinvolti anche il fratello di una delle vittime dell’agguato avvenuto a Canegrate nel 2016 dove furono inseguiti e uccisi due cugini di 24 e 27 anni. L’attività investigativa è nata dell’arresto in flagranza di reato di un cittadino albanese trovato in possesso di 110 dosi di cocaina, per un peso complessivo di 94,2 grammi, e della somma di 11.950 euro, effettuato dai militari della Compagnia di Busto Arsizio nel mese di giugno del 2020.

Affari per 3 milioni di euro

Le successive attività, eseguite attraverso indagini sia di tipo tradizionale che tecnico, oltre a consentire la ricostruzione di una fitta rete di pusher operanti nei territori del basso Varesotto e dell’hinterland Milanese, hanno permesso di disvelare l’esistenza del sodalizio criminale in grado di movimentare e vendere al dettaglio rilevanti quantitativi di sostanze stupefacenti.

Nel corso dell’operazione sono stati complessivamente sequestrati 20 chilogrammi di cocaina, 10 di eroina, 81 chili di hashish e somme in denaro per 453mila euro, che sul mercato avrebbero fruttato all’incirca 3 milioni di euro.

busto narcotraffico albanese condanne – MALPENSA24